Carmelo il muratore calabrese

Mi accorsi fin dall’ età di 12 anni che il mio interesse sessuale era verso i cazzi dei miei amici. Dalle prime seghe fatte in gruppo, sono passato a fare seghe ai miei compagni, loro dicevano che ero bravissimo e che avevo le mani da fata. I furbacchioni, soprattutto quelli con qualche anno in più, cercavano con ogni scusa per appartarsi da soli con me. La prima cosa che facevano era quello di tirarsi fuori il cazzo già in tiro sbattendomelo subito in mano. Questo avveniva sia nei cessi della scuola o nei capanni dei contadini, isolati nella campagna milanese. Ma la svolta, quella vera l’ebbi all’ età di 15 anni. In quel periodo nel milanese c’era un continuo arrivo di nuovi immigrati dal sud d’ Italia. C’ erano siciliani, napoletani e calabresi, proprio con un gruppi di questi ultimi che fui iniziato alle scopate in culo.
Il tutto avvenne non per caso, anzi, devo confessare che ho fatto di tutto perché ciò si realizzasse. Un gruppo di 6 giovani calabresi prese in affitto, come abitazione la cantina della villetta di proprietà di una mia zia, che confinava con quella dei miei genitori. Questi giovani lavoravano sodo in un’ impresa edile del posto, e alla sera, prima di mettersi a mangiare montagne di spaghetti al pomodoro, si lavavano in una specie di bagno fatto con 4 assi di legno inchiodato alle bene meglio,posto in una parte isolata del giardino, che faceva anche funzioni di gabinetto, però solo per le cose consistenti, perché per pisciare usavano farlo liberamente all’ aria aperta. Il giardino di mia zia da quello dei miei genitori era diviso con una rete e da una folte e alta siepe. Era proprio dietro quella siepe che io mi appostavo con notevole anticipo ad aspettare che i 6 giovanotti rientrassero dal lavoro e lavarsi prima di mettersi a mangiare. Osservavo con eccitazione i loro nudi e muscolosi corpi mentre cercavano, malgrado la scomodità,di lavarsi il lavabile, restavano con le sole mutande, le quali a stento trattenevano un voluminoso pacco con le evidenti forme del cazzo messo di traverso, ma la vera libidine era quando arrivava Carmelo il più giovane un ragazzotto sui 20 anni, diversamente dagli altri, che erano tutti piuttosto piccoli e scuri di carnagione, lui invece era quasi biondo alto circa 1,80, un fisico che assomigliava alle statue degli uomini nudi che avevo visto sui libri di storia, ma la cosa che più mi interessava era il voluminoso pacco che a stento tratteneva il suo cazzo. Pacco che non smetteva mai di tormentare, continuava a passargli sopra le mani, oppure infilandole dentro nelle mutande sistemandosi cazzo a palle di continuo. Il top era quando si metteva a gambe larghe, girato verso il mio nascondiglio, e si tirava fuori l’ enorme cazzo tenendolo in mano, e dopo averlo scappellato per bene iniziava una copiosa pisciata, finita la quale se lo trastullava per bene, al punto tale che aveva un’ inizio di erezione, poi dopo un po’ di questi giochi lo rimetteva nelle mutande e fischiettando se ne andava versa lo scantinato a raggiungere gli altri. Quante seghe mi sono sparato davanti quella meravigliosa visione.
Dopo la frugale cena, alcuni di loro andavano al bar circolino a giocare alle carte trovandosi con altri loro compaesani. Io con banali scuse continuavo a girare nei dintorni per cercare di cogliere attimi di intimità. Loro mi conoscevano, sapevano che ero il nipote della proprietaria della casa e non ci facevano molto caso alla cosa, e capitava anche, che mi invitassero dentro la cantina ad assaggiare un sorso del loro forte vino. In una di queste occasioni, Carmelo, che stava giocando a carte con Giovanni, un simpatico morettone trentenne, dopo avermi fatto bere mezzo bicchiere di vino, già mi girava la testa, mi invitò a sedermi sulle sue ginocchia per insegnarmi a giocare con le carte napoletane. Essendo estate, erano entrambi nudi con le sole mutande. Mi sono seduto, tutto emozionato sulle sue muscolose gambe, mentre lui con le braccia mi avvolgeva il corpo per fare le giocate, alla fine, tra una giocata e un’ altra mi trovai seduto con il mio culo sul suo pacco. Loro si parlavano in dialetto, e ridevano spesso facendo delle allusioni al sottoscritto, io, che non capivo neanche una parola, ma intuivo bene che stavano parlando di me, ma della cosa non importava nulla, perché per me la cosa che m’ interessava di più era sentire che sotto il mio culetto il cazzo di Carmelo si stava intostando sempre di più.
Carmelo continuava a muoversi e spostarsi di continuo, sentivo il suo cazzo ormai durissimo contro le mie chiappette, avrei voluto che il gioco non finisse mai, ma purtroppo poco dopo rientrarono anche gli altri e istintivamente mi alzai in piedi, lasciando scoperto alla vista di tutti la gigantesca erezione del cazzo di Carmelo con la cappella che fuoriusciva dal bordo delle mutante. Gli altri scoppiarono in una sonora risata, mentre io scappavo fuori dalla cantina pieno di vergogna, sentivo ancora le risate e un’ unica parola mi era rimasta impressa nella mente, “finocchio” pronunciata mista alle altre parole in dialetto mentre Carmelo si incazzava con i suoi compagni.
Dopo quella sera, per un paio di giorni non mi feci più vedere. Ma il pomeriggio della domenica successiva, Carmelo venne lui a casa mia, chiedendomi se gli potevamo prestare la bicicletta perché lui e Giovanni volevano andare al canale a farsi un bagno. Io gli dissi subito di sì, pur sapendo che poi avrei dovuto fare i conto con i miei, loro non volevano che facessi amicizia con dei terroni (purtroppo in quel periodo al nord le cose stavano così). Così si avviarono con la bici di papà. Io volevo andare a spiare i loro corpi mentre facevano il bagno nel canale, così di nascosto dai miei presi la mia bicicletta e mi avviai attraverso la campagna verso il canale. Dopo una mezz’ ora li trovai in una delle rogge che servono per scaricare l’ acqua dal canale principale in uno secondario dove l’ acqua scorreva rapida e pericolosa, il posto è molto isolato e circondato da una folta vegetazione. Rimasi in un primo momento sul bordo dell’ argine ad osservarli in lontananza mentre si tuffano giocando come dei bambini. Fu in quel momento che Carmelo mi vide e subito mi chiamò ad alta voce di raggiungerli. A quel punto non potevo più nascondermi e rassegnato li raggiunsi, gli dissi che però io non i mi fidavo di quell’ acqua troppo pericolosa, e che se volevano a soli 500 metri c’ è un posto molto bello dove l’ acqua è meno rapida. Loro acconsentirono e ci inoltrammo nella vegetazione fino a raggiungere un posto dove il canale finiva uno spiazzo di raccolta dell’ acqua, sembrava una piscina. Loro immediatamente entusiasti del posto si tuffarono allegri in acqua. Quando uscivano dall’ acqua, per un nuovo tuffo, le loro mutande inzuppate gli scivolavano sempre fin sotto il culo, ma che loro non si preoccupavano di ritirarle su, mettendo in vista due belle sode bianche chiappe, che contrastavano con l’ abbronzatura di chi lavora all’ aria aperta come loro. Mi invitarono a spogliarmi e di raggiungerli nei loro giochi in acqua. Mi tolsi gli abiti, rimasi anch’ io con le sole mutante, e mi gettai in mezzo a loro due. Subito mi presero con forza ed iniziarono entrambi a giuocare facendomi fare capriole e tuffi saltando dai loro corpi. Attraverso il tessuto bianco delle bagnate mutande si vedeva chiaramente tutta la dimensione dei loro cazzi e delle grosse palle circondante da una folta peluria, e quando ne avevo la possibilità davo una palpatina con disinvoltura alla consistenza di quei tesori non tanto celati, cosa che a loro non dava nessun fastidio. Dopo una mezz’ ora di questi giochi siamo usciti dall’ acqua e ci siamo stesi sull’ erba a riposarci e prendere un po’ sole. Non avendo con me un proprio telo da bagno, unirono i loro due e mi fecero distendere in mezzo a loro due.
Loro si assopirono subito, Giovanni si era steso a pancia in giù, mentre Carmelo disteso sul dorso con le mani giunte dietro il capo metteva in mostra uno spettacolo unico. Il suo cazzo messo di traverso con la cappella ben in vista risaltava attraverso il tessuto bagnato delle mutande come pure le due enormi palle circondate dalla folta peluria. Gli addominali, percorsi da una leggera peluria che spariva oltre l’ elastico delle mutande, si muovevano leggermente in sincronia al suo respiro. Non riuscivo togliere gli occhi da quello spettacolo, mi girai sul fianco verso Carmelo ad ammirare il suo fisico e la voglia di toccarlo si fece sempre più forte. Ebbi la sensazione che il suo cazzo stesse per aumentare di consistenza, con una forte emozione, e anche un po’ di paura mi azzardai a sfiorare con al mano la protuberanza, che per effetto del mio contatto ebbe come un piccolo sussulto, e notai che stava aumentando di consistenza, istintivamente, come per liberarlo dalla prigione alzai l’ elastico delle mutande, l’ effetto fu che balzò fuori un cazzo enorme, duro e vigoroso. Era un grosso pezzo di carne lungo circa 22 cm. Dopo i primi attimi di indecisione Iniziai ad accarezzare la cappella con le dita, come facevo agli amichetti delle scuole, poi scoprii completamente il cazzo e le palle dalle mutande, presi in mano le palle ed iniziai ad accarezzare l’ interminabile asta. Ero tutto preso da quel gioco da non accorgermi che Carmelo si era svegliato, il quale per tutta risposta mi prese la testa fra le sue mani e la stava spingendo verso il suo cazzo sussurrando di leccarglielo come fosse un gelato, io non me lo feci ripetere ed iniziai a passarci sopra la lingua, prima sulla cappella, poi su tutta la sua lunghezza, allora lui mi disse di provare ad ingoiarlo, e mentre lo diceva già spingeva la mia testa verso il rigido pezzo di carne, in breve mi ritrovai con la bocca piena da non riuscire a respirare, allora lui tirò fuori il cazzo e mi disse di fare dei bei respiri profondi e di affondarlo in gola quando stavo per espirare e di stringere con le labbra il cazzo. Imparai subito la tecnica del pompino, mentre lui ritmava i movimenti regolando la mia testa con le sue mani. Poco dopo ho sentito che la sua verga s’ inturgidiva ancora di più mentre lui la spingeva ancora più in profondità iniziando a scaricare una prima bordata di sborra che non potevo far altro che ingoiare se non volevo soffocare, seguirono altre scariche, sembrava un torrente in piena, ad ogni scarica i suoi muscoli si contraevano e non riusciva trattenere rantoli di piacere. Saranno stati i versi di Carmelo o che ne so, quello che so è che quando ho tolto dalla bocca il suo cazzo per riprendere fiato mi sono girato e ho visto un sorridente Giovanni, che in ginocchio, con le mutande abbassate sulle gambe , si stava masturbando il cazzo, a dire il vero anche quello niente male, anche se non come quello di Carmelo. Non feci tempo a riprendermi che subito si avvicinò e mi infilò in bocca il suo cazzo, questo ci stava tutto, non essendo grosso come quello di Carmelo, ma era sicuramente molto rigido e duro. Feci subito ad angelo quello che Carmelo mi aveva da poco insegnato, ero intento nel lavorare di bocca l’ altro cazzo nel mentre ho sentito che due mani mi stavano togliendo le mutandine, me le sfilarono completamente, e subito dopo le stesse mani iniziarono ad accarezzarmi le natiche allargandole fino a mettere in vista il mio buchetto del culo, poco dopo ho sentito la lingua di Carmelo che spingeva dentro il mio buco, procurandomi piaceri mai sentiti prima di quel momento, istintivamente spingevo indietro il culo per ricevere più lingua possibile nelle mie cavità. Allora Carmelo, vista la mia disponibilità infilò un dito con delicatezza, facendolo roteare all’ interno, superato un leggero dolore iniziali iniziai a sentire dei brividi di piacere che risalivano fino alla cute dei cappelli, percorrendo tutta la spina dorsale, alla ricerca di questi meravigliosi piaceri spingevo sempre più indietro il culo, invitando Carmelo a non smettere, cosa che lui non ci pensava neppure, tanto che subito passo prima a due e poi con tre dita, mi sentivo completamente dilatato, ebbi la sensazione di svenire dall’ intensità che il piacere fisico mi procurava quella penetrazione. Nel frattempo non mi ero mai tolto dalla bocca il cazzo di Giovanni, che aveva iniziato a scoparmi in bocca con più forza, tenendomi ferma la testa con le sue mani, affondava la dura terga fino all’ estremità per poi ritirarla fuori fino alla cappella per poi affondarla con decisione in gola.
Carmelo nel frattempo, aveva sostituito le dita con la cappella del suo cazzo, sentivo l’ umidità della sua carne che si aggirava fra le pieghe del mio culo, ero preoccupato, visto l’ enorme pezzo di carne che stava cercando di profanare la mia vergine via, ma allo stesso tempo non sapevo resistere, sembrava che non avessi desiderato altro dalla vita. Gli dissi di insistere, lui mi disse che avrei sentito male, ma solo all’ inizio, che poi sarebbe stato meraviglioso, ma se non c e l’ avessi fatta per il dolore, lui si sarebbe fermato. Io gli risposi, quasi pregandolo di non fermarsi, neppure se avrei urlato di dolore. Infatti come iniziò a spingere il dolore fu atroce, lasciai il cazzo di angelo e lanciai un urlo atroce, pregando Carmelo di uscire, ma Lui era troppo preso per ascoltarmi, io urlavo e lui spingeva, mentre Giovanni mi teneva fermo con le sue mani. Poi dette un colpo più forte, sentii come un flop e il suo cazzo entro dentro superando lo sfintere anale, si fermò distendendosi sulla mia schiena sussurandomi parole dolci, accarezzandomi i capelli, mentre Giovanni mi rinfilava nuovamente il suo cazzo in bocca, sembrava che stesse per esplodere da tanto era duro, infatti dopo pochi colpi affondi iniziò a scaricarmi in gola una copiosa sborata. Carmelo con molta delicatezza ricominciò la sua penetrazione, faceva sempre male, ma molto meno e cosa ancora più bella è che sentivo, misto al dolore anche piacere, il mio cazzettino era durissimo ed inizio a sborrare come non aveva mai fatto fino a quel giorno. Poi con molta lentezza ma con determinazione inizio una lenta scopata, affondava il suo pezzo di carne nelle mie viscere ad ogni affondo sempre di più, poi lo ritraeva fino alla cappella, senza farlo uscire per affondarlo nuovamente, guadagnando altri centimetri, finché sentii le sue palle sbattere sulle mie chiappe. Carmelo diede ancora qualche colpo poi lo sentii contorcersi dalla spasmo del godimento ed inizio a spararmi nel culo un’ altra copiosa interminabile sborrata , mentre mi mordicchiava sul collo sussurandomi parole in dialetto che non capivo.
Restammo sfiniti per una mezz’ ora sdraiati al sole, senza dire una parola. Capivo il loro dramma,ero solo un quindicenne, ed erano entrambi seriamente preoccupati. Io compreso il loro stato d’ animo cercai di rassicurarli, gli dissi che da parte mia non lo avrebbe saputo nessuno, ma in cambio mi dovete assicurare che potrò avere il vostro cazzo quando voglio, come adesso per esempio. Dissi questo mentre mi prendevo in bocca il cazzo di Carmelo che subito rispose all’ invito intostandosi all’ istante. Giovanni per non essere da meno si pose dietro di me, chiese il permesso a Carmelo con un: “posso?”, Lui gli rispose: “solo per questa volta”, ed il suo cazzo entrò con un solo colpo fino alla radice, senza troppa fatica, vista la strada aperta dal cazzo di Carmelo.
Questa è una storia vera della mia gioventù, ma non è finita qui.