così Sarash ha rotto il mio culo

Mi chiamo diciamo Francesco ho 62 anni, ho conosciuto x caso ponte Milvio una ragazza cubana alta più di me ma molto bella, ci facemmo una passeggiata lungo il Tevere , e dopo di che mi invitò a casa sua, io accettai per prenderci un caffè, salii su da lei e chiesi di andare in bagno, ma non so che mi prese mi arrapai come un toro, e ne uscii fuori con il cazzo eccitato al massimo che dai pantaloni si notava benissimo che avevo il cazzo in tiro, lei se ne accorse e mi disse che come persona gli piacevo a quel punto ci abbracciammo e gli strusciai il mio cazzo in tiro che era dentro ai pantaloni all’altezza della sua figa, cosi pensavo, ma da li a poco mentre che ci baciavamo sentii sotto la gonna un tronco incredibile, era un trans, lei mi disse hai dei problemi? Non ti piaccio? Io gli dissi nò e gli dissi che mi piaceva molto, ma il mio imbarazzo si notava, a quel punto mi cominciò ad accarezzare e mentre pomiciavamo mi mise una mano dentro i calzoni toccandomi le mie natiche, lei vide che ebbi un sospiro voglioso, ed a quel punto mi disse oggi ho proprio voglia , e tu non sai che questa sera da qui andrai via con il culo rotto, e aperto al punto che alla prima scoreggia ti cagherai sotto, volevo levarmi ma la libidine era tanta che restai a pomiciare, a quel punto mi mise una mano nelle sue mutandine e tirai un cazzo fuori gigantesco, circa 28 cm lungo e largo 18, aveva un cazzo a punta , cioè non molto grande alla cappella che poi progressivamente diventava largo enormemente alla fine, lo presi e cominciai a segarlo e lei mi disse che tranquillamente potevo perché tanto mi avrebbe inculato per un’ora, ci baciammo a lungo, poi presi il suo cazzo e me lo misi in bocca, era talmente largo che più della metà non mi entrava e mi venivano cognati di vomito, cominciò a scoparmi in bocca con tutta saliva gommosa che mi scendeva tra le labbra, dopo circa 15 minuti di sbocchinaggio, lei mi prese e mi calò i pantaloni poi le mutandine , e cominciò un pompino stupendo, mentre mi sbocchinava mi leccava le palle piano piano cominciava a leccarmi il culo, mi mise a pecora e cominciò a infilarmi prima un dito poi leccava poi due dita e rileccava con la lingua che entrava nel mio culetto, ero in estasi, a quel punto mi disse adesso preparati che ti spaccherò il culo, sentirai un po’ di dolore e poi un po’ di bruciore ma poi vorrai che non finissi mai di romperti il tuo culetto, sentii che mi spalmava del gel fresco sia intorno al foro che dentro, poi cominciò a strofinare il suo enorme cazzo tra il mio buco e le palle, ad un certo punto sentii che la cappella l’aveva piazzata nel foro e cominciò a spingere , dopo poco la cappella entrò senza tanto dolore, quando la sua cappella fu dentro sentii che mi faceva scendere del liquido e tutto di una botta diede una spinta incredibile, “un urlo disumano mi usci” ero con le lacrime x il dolore e misi una mano dietro per sentire il suo cazzo, ma mi accorsi che ne aveva messo neanche la metà, a quel punto la implorai di smetterla che se nò mi sarei sentito male x il dolore che avevo, ma lei si fermo con quel palo dentro il mio culo aspettando che si dilatava e si adattava al suo calibro, quando si accorse che il buco del mio culo era diventato più morbido, cominciò un avanti ed indietro pianissimo, mi resi conto che dolore non avevo più e che cominciavo a sborrare dal mio culo, a quel punto lei diede un’altra botta, “altro urlo disumano” altro fermo e mi accorsi che le sue palle toccavano dietro le mie chiappe , mi resi conto di essere stato inculato, mi aveva infilato tutto il suo cazzo dentro il mio culo al punto che mi faceva male la pancia x quanto lo aveva lungo, misi una mano dietro e mi accorsi che avevo la coscia bagnata, credevo che era crema , ma quando la portai sul mio viso mi accorsi che era sangue, mi aveva rotto veramente il culo, stette un pochino ferma per dar modo che il mio culo si adattasse alla sue dimensioni cavalline, e poi piano piano cominciò a muoversi, cominciò ad incularmi prima piano poi sempre più forte di tanto in tanto tirava fuori il suo tronco di ebano e lo rimetteva tutto di una botta, mi stava pompando come un animale, al punto che dopo circa venti minuti avevo la pancia che mi faceva male e gli chiesi di smettere ma lei niente, era arrapata dal fatto che aveva rotto il culo ad un verginello, mentre ebbe il cazzo fuori per poco, mi scappo una scoreggia incredibile, e lei disse è normale, ti ho pompato tanta aria, e ricominciò ad incularmi per altri venti minuti, dopo di che sentii il cazzo che si gonfiava ancora di più ed un gettito di liquido caldo inondò il mio culo all’interno, non gli bastò quello lo tirò fuori ancora duro e me lo mise in bocca e volle che gli ripulii la cappella ed il suo cazzo sporco di sborra e sangue e di merda mia, ero talmente arrapato che non capii più niente e mi ritrovai 28 cm del suo cazzo che le mie labbra toccavano le sue palle, con la lingua le leccai e lei sborrò una seconda volta nella mia gola, quando lo tiro fuori piano sembrava che non finisse più di uscire, si distese affianco a me, aveva un seno stupendo con dei capezzoli belli rigidi, cominciai a leccarglieli ed a succhiargleli, gli baciavo il colle fino ad arrivare alle sue labbra, lei si girò e con il suo stupendo culo ed io non me lo feci ripetere due volte, cominciai a leccargli il culo e la misi a pecorina, feci come lei fece a me gli strusciai il cazzo al suo culo bagnato della mia saliva, infilai la mia cappella e di colpo scivolo dentro il suo culo e cominciai ad incularla, dopo circa 15 minuti di inculata feroce, anche perché mi bruciava il mio culo, gli feci una bella sborrata molto copiosa nel suo culo, la baciai come se fosse stata il mio primo amore e poi ci dirigemmo verso il bagno. Dopo mezzora ci ritrovammo a tavola per uno spuntino di frutta esotica, con una smorfia di dolore nel sedermi gli dissi “mi hai proprio sfondato il mio culo, mi resterà aperto il mio forellino per parecchi giorni, e di certo non soffrirò più di stitichezza” rise con dolcezza, come per farmi capire che se anche inizialmente mi aveva provocato del dolore sarebbe passato col tempo. lei sorridendo mi rispose “credimi se vuoi questo è solo l’inizzio,” se vuoi ci possiamo vedere una volta alla settimana tu mi piaci e mi sei simpatico, quando verrai da me non ti farò pagare niente perché mi piaci, e vedrai che la prossima volta non sentirai più dolore solo un pochino di bruciore all’inizzio, e la terza volta che ti inculerò vedrai che te lo metterai da solo dentro il tuo bel culo, ma la prossima volta ti sborrerò mezzo litro della mia sborra, e se ci riesco ti farò un clistere di piscio nel tuo bel culo, lei sorrise e mi diede un bel bacio come se avessimo 20 anni.