farsi fare la festa

Non è così che è avvenuta. Ma mi è sempre piaciuto immaginare così la mia “inaugurazione”.  La festa era in pieno svolgimento e si era già bevuto parecchio, quando l’amico con cui parlavo mi fece presente che bisognava cominciare a trovar compagnia per il finale.
Che vuoi dire? – gli chiesi.
Che qui già si sono formate parecchie coppie o altro…
Cioè? – chiesi ancora
Non hai notato che la gente è diminuita e… non credere che siano andati via – mi rispose in maniera misteriosa.
Vuoi dire che sono imbucati da qualche parte a scopare qui nella villa?
Vuoi venire a fare un giretto?
Ma mica puoi andare a rompere i coglioni…
Ah, no? Vieni con me e vedrai. – e si avviò alle scale che salivano al piano superiore.
Ero anche io un po’ brillo e lo seguii senza fare commenti.
Senti, ascolta i rumori…
In effetti da più di una stanza, dopo un breve percorso, si udivano suoni indicativi. Mentre lo guardavo con aria non credo molto intelligente, improvvisamente aprì la porta di una camera e mi spinse dentro. Rimasi allibito e stavo facendo dietrofront, quando l’amico specificò incontrovertibilmente:
Eh, no, adesso si resta anche noi! – e chiuse la porta a chiave, tirando la stessa ad uno dei due uomini nudi, che la bocca uno sul sesso dell’altro avevano sollevato il capo verso di noi.
Dai non fare l’idiota, io che ci faccio qui? – chiesi sempre più stupidamente.
Ma… quello che stanno facendo loro, anche noi siamo una coppia e poi possiamo unirci anche in un gruppo più esteso, sarebbe ora che assaggiassi anche questo, non trovi….
Dai non scherzare, non è affatto la cosa che avevo in mente…
Eh no! Non ti mettere a fare il puritano proprio adesso! Se non hai mai fatto un esperienza gay è ora di cominciare…e non rovinar loro la serata.
Intanto i due nudi si erano avvicinati e cominciavano a toccarci e a spogliarci, con assoluta sicumera.
Ma io non voglio rovinare la serata a nessuno, voglio solo andarmene e lasciarvi fare quello che volete.
E noi vogliamo fare tutto anche con te! – Rispose quello che intanto aveva cominciato a mettermi la mano nei pantaloni, estraendomi subito l’uccello, prima ancora che me ne fossi reso conto completamente.
L’altro intanto cercava di baciarmi e mi teneva fermo mentre il primo mi faceva cadere a terra pantaloni e mutande. Incespicai nel fare un ultimo tentativo di resistenza, credo, e mi trovai con uno dei due completamente sopra che me lo prendeva in bocca e cominciava a slinguarmelo e masturbarmi. Intanto il primo mi faceva una respirazione lingua a lingua, come per tapparmi la bocca e mi strizzava già i capezzoli con mani esperte, dopo avermi strappato via la camicia.
Ero ormai nudo anche io, assalito dai due, con il mio amico, nudo anche lui, che dava loro manforte.
Erano riusciti perfettamente nello scopo, avevo un’erezione in piena regola e cominciavo a ricambiare, quando mani ormai attivissime cominciarono a percorrermi il solco anale bagnandolo non so se di saliva o sperma.
Era saliva perché subito dopo sentii un pene, diciamo incappucciato, cominciare a spingere mentre io ero già stato forzato a leccarne un altro. Mi ero ritrovato carponi con un cazzo in bocca, rapidamente convinto a fare e farmi fare di tutto.
Era incredibile perché non mi dispiaceva affatto ed ero vergognosamente reattivo a quel tipo di eccitazione sessuale, che avevo sempre respinto in angoli bui della mante e perfino considerato contro natura. Ma l’azione si interruppe e un depiler elettrico cominciò a radermi il solco anale e la base dei testicoli, mentre ero a culo per aria, ormai deciso a sacrificarlo sull’altare di una trasgressione non solo accettata ma… sinceramente desiderata.
Allora soltanto delle mani prepotenti mi allargarono le natiche mentre il pene mi violava fino in fondo, da subito, rivelandomi l’esplosione di un piacere intensissimo. Mi stavo facendo fare il culo e continuavo a leccare un cazzo, provandoci un gusto mai provato e mugolando per non abbandonare nessuna delle due posizioni.
Ha un culo come un guanto, sembra che abbia preso cazzo da sempre! – sentii che diceva qualcuno.
Vieni dentro, sborrami tutto ! – Mi sentii rispondere mentre sollevavo appena la bocca dal pene che stavo leccando.
Avevo il culo tutto bagnato quando il tizio sfilò il pene dal preservativo e mi invase di seme appoggiandomelo fra le natiche e strusciandomi e schizzandomi freneticamente.
Ragazzi questo ha il culo pulito, possiamo farcelo anche a cazzo nudo e sborrargli dentro a più non posso!
Era vergognoso e meraviglioso sentirmi chiamare “questo” ed essere trattato da troia, culo da sbattere, da fottere e “sporcare” di sperma, dentro cui far godere tutti, godendo di tutti.
Come era successo? Era bastato sentirmi toccare da mani già bagnate di sperma, di altri maschi, che non mi avevano lasciato scampo o avevo provocato io stesso il branco , con ritrosia finta, al coito anale su di me?
So quello che stai pensando – sentii la voce dell’amico che mi aveva portato a quello sballo – è un falso problema, basta assaggiare la mela e l’unico peccato, devi rendertene conto, è non averla assaggiata prima. Farti un culo è come farti una fica ma fartelo fare è “essere una fica anche tu” e questo, se solo accetti di provarlo, è una cosa di cui devi ringraziare te stesso e… me!
Non lo so, non avevo idea… – Balbettai
Non importa a nessuno, ma adesso la festa deve continuare!
Per la prima volta ero circondato di cazzi e disposto a soddisfarli tutti e ricambiare in qualsiasi modo mi fosse stato chiesto, perché era una inaugurazione ed ero felice di esserne l’oggetto.
Così cominciarono i giochi veri e tutti i cazzi e le mani erano per me e perché la festa mi fosse fatta fino in fondo.
Qualcuno si sdraiò sul letto e mi chiese di montargli sul pene, con il culo ben aperto, e di pomparmelo dentro da solo mentre c’era chi mi masturbava e si masturbava.
Avevo il buco già lubrificato e non fu un problema guidare dentro un altro bel cazzone arrapato e, mani appoggiate dietro, cominciare un su e giù che mi permetteva di spingermelo dentro fino in fondo, prima lentamente, stringendo e rilasciando i muscoli dello sfintere per godere completamente dello sfregamento del glande sulla prostata, poi sempre più freneticamente per sollecitare l’orgasmo e darmi tutto al mio stesso orgasmo mentre mani lubriche, almeno quanto le mie voglie, ne acceleravano l’eiaculazione e bocche e lingue dolcemente amiche si preparavano a raccoglierne il frutto, caldo, vischioso e profumato di peccato e godimento.