Giorgio e Monica. parte 17

Dopo quella grande scopata con elisa rimanemmo sdraiati, stanchissimi ma appagati per quanto ci avevamo dato dentro..ci riposammo un bel pò e speravo che presto mi potesse concedere il bis..restammo a guardarci e a baciarci per tanto tempo e quando il mio uccello iniziò a riprendersi, elisa allargò leggermente le gambe e mi lasciò entrare con estrema facilità nella sua figa ancora calda..entrambi eravamo sdraiati su un fianco, così le misi anche le mani sul culo, spingendole il cazzo più in profondità possibile. Iniziai a scoparla piano, andando in profondità e restandoci a lungo. Lei si vedeva che era ancora in calore e pertanto mi lasciò fare. Stavamo riprendendo a scopare con un bel ritmo quando all’improvviso sentimmo una macchina parcheggiare di fianco a noi. Elisa guardò spaventata e disse: “ma è il mio ragazzo! Mi ero dimenticata che doveva venire a dormire da me. L’avevo invitato perché i miei sono in vacanza”. Il suo ragazzo si accorse subito di noi e bussò violentemente al finestrino. Dopo che ci fummo rimessi un attimo a posto uscimmo dalla macchina. Il suo ragazzo (francesco) era visibilmente alterato e iniziò a chiedere spiegazioni. Elisa ribattè che non doveva rompere dato che lui si faceva tutte quelle che respiravano e la discussione andò avanti fino a che non decisero di continuare a parlarne in casa. Io stavo x andarmene ma francesco mi prese e mi trascinò dentro casa. I due si chiusero in camera dove continuarono la discussione quando ad un certo punto non sentì più nulla. Preoccupato dal fatto che fosse successo qualcosa, aprì la porta e li vidi, sdraiati sul letto, mezzi nudi che si stavano spogliando. Elisa mi invitò subito ad unirmi e, dato che non c’erano particolari problemi, non me lo feci chiedere due volte. Iniziai subito a leccare la figa di elisa, mentre lei finiva di spogliare francesco. Aveva ragione, il suo era un cazzo gigantesco, di circa 24-25cm. Francesco si mise comodamente sdraiato aspettando che elisa si sdraiasse tra le sue gambe per fargli un bel pompino. La ammiravo mentre le sue labbra scendevano, assaporando, gustando la tremenda mazza di francesco. Scivolava e ingoiava, riempiendosi la bocca con tutto quel cazzo pompante. Io continuavo a masturbarla e il cazzo mi si induriva sempre più. Ad un certo punto elisa disse che andava a prendere dell’olio per ungersi tutta e farci scivolare i nostri cazzi ovunque. Appena uscì mi complimentai con francesco per quanto era dotato. Lui rispose che sono in tante a complimentarsi prima di diventare troie e succhiarglielo. Io dissi “ci credo! A chi non verrebbe voglia di farsi un uccello così bello, grosso, invitante…” francesco si sorprese un po’ x queste parole, ma quando vide che la mia lingua passava sulle mie labbra allargò le gambe. Lo lessi come un invito e presi il posto di elisa, infilandomi in bocca buona parte della sua asta. Quando elisa tornò, dopo circa un minuto, rimase a bocca aperta vedendo un suo ex fare un pompino al suo nuovo ragazzo. Io le spiegai che da un po’ di tempo mi piaceva il sesso sia con ragazzi che ragazze e lei, dopo lo shock iniziale, sorrise maliziosamente e prese a spalmarsi d’olio e ad ungere anche noi. Ci mettemmo in due a succhiare il generoso cazzone di francesco. A lui piaceva sentire due lingue che salivano fino alla cappella e che si intrecciavano giusto sulla sua cappella, provocandogli un immenso piacere. Approfittando del fatto che eravamo entrambi sdraiati, mi misi sopra elisa, infilandole facilmente il cazzo nel suo culetto ben oleato. Le nostre lingue risalivano il cazzo di francesco dalle palle fino alla punta. Elisa poi gli prese bene in bocca i testicoli, succhiandoli per bene. Io afferrai la bottiglietta d’olio ne versai un bel po’ sul pene di fra e poi lo spalmai con le mani andando su e giù, facendo indurire al massimo la mazza di fra. Poi ripresi a succhiarlo mentre spingevo tutto il mio pene all’interno dell’ano ormai allargato di elisa. Ma mentre davo piacere con la mia bocca al suo ragazzo lei si divincolò e si liberò dalla penetrazione dicendomi comunque di continuare a far godere il suo ragazzo e di succhiare come succhia lei. Io continuai (godevo troppo nel ritrovarmi un affare grosso come quello in gola) anche quando elisa mi iniziò a leccare le palle. “ma tu lo prendi anche nel culo o sei solo pompinaro?” mi chiese. Appena risposi che lo prendevo dietro più che volentieri lei iniziò a leccare il mio buco del culo, entrando facilmente con la lingua. Misi le gambe in modo che la mia ex potesse entrare più in profondità e quando mi ritrovai con il suo mento e il suo naso ben stretti tra le mie natiche e la sua lingua tutta bagnata e rotante all’interno del mio buco del culo iniziai a gemere. Continuò per circa un minuto prima di prendere l’olio e spalmarmelo su tutto il culo. Dopo avermelo ben spalmato con le mani, prese un dito e me lo infilò su per il culo. Sentì tutto il suo dito entrare fino in fondo e allargarmi l’ano (non che ce ne fosse grande bisogno data la quantità non indifferente di cazzi che avevo già preso). Poi iniziò a lavorarmi il culo con 2 e poi 3 dita, dicendo “prima ti sei divertito col mio bel culetto eh? Bene, adesso tocca a me sfondarti! Sei d’accordo?” “siiiii” gridai io. “fatevi il mio culo come volete, voglio essere sfondato da tutt’e due!!” elisa non aspettò ulteriormente e dopo avermi detto “allora ti accontento..sei un porco, sei un maiale..spero che io e te possiamo soddisfare il mio superdotato ragazzo perché questa per lui è un’esperienza nuova..mi raccomando fatti fottere alla grande” mi infilò quasi tutta la mano destra tra le natiche. Sentì le sue quattro dita strette entrare nel mio ano allargato..stavo veramente godendo. A quel punto francesco si alzò e mise il suo cazzo in bocca ad elisa, facendoglielo succhiare e bagnare per bene, mentre lei continuava a fare entrare e uscire la sua mano dal mio culo. Quando lui fu pronto, lei mi aprì le natiche, mostrando al suo ragazzo il mio culo aperto. Francesco entrò andando subito in profondità, facendomi urlare di piacere. Iniziò a scoparmi velocemente e duramente, sbattendo le sue palle contro le mie..io godevo da matti ed elisa si mise sul divano, masturbandosi alla vista del suo nuovo ragazzo che si scopava il suo ex..probabilmente era un suo desiderio dato che guardava compiaciuta. Ma non volevo stare solo a prenderlo, così mi avvicinai ad elisa e iniziai a leccarle il clitoride e l’interno della figa. Lei smise di masturbarsi e mi lasciò fare. Risalì e le iniziai a succhiare i capezzoli e poi la leccai dal collo fino a metterle la lingua in bocca. A quel punto il mio cazzo si trovava vicinissimo alla sua figa bella bagnata così ne approfittai e saltai sul divano (sempre col cazzone di fra nel culo) e la penetrai. Iniziammo così una goduriosa doppia penetrazione. Io mi muovevo avanti e indietro con francesco che mi dava il ritmo di penetrazione nella figa ampiamente aperta della sua ragazza..sentivo il mio ano aprirsi e richiudersi ogni volta che lui entrava e usciva, dandomi puro piacere. Il mio cazzo invece soddisfava abbastanza bene la mia ex, che si massaggiava il clitoride con entrambe le mani, lasciandosi andare a gemiti di poco inferiori alle mie urla. Ma elisa presto chiese di essere sfondata così lasciai che il suo ragazzo la aprisse in due..mentre vedevo quella mazza infinita entrarle nella figa sempre più bagnata iniziai a segarmi..elisa urlava di piacere e presto raggiunse un orgasmo intensissimo. Quando poi il suo ragazzo la sollevò e seguito a scoparla tenendola in braccio lei, mentre saltava su e giù, mi guardò e mi urlò “avanti giorgio..mettimelo dietro dai..non vedo l’ora di provare la doppia penetrazione! Fatemi godere e vedrete che poi vi succhierò i cazzi fino a farli esplodere e a farne uscire tutta la sborra che contengono”. A quella richiesta non riuscì a resistere e, dopo averle leccato un po’ il culetto, glielo misi dentro. La tenemmo sollevata, scopandocela per qualche minuto, sia in piedi che sdraiati per terra..elisa urlava e godeva, bagnandosi sempre più..poi ci chiese di cambiare perché voleva la mazza del suo superdotato ragazzo all’interno del suo buco del culo. Francesco la sfondò con piacere, io leccavo la sua figa, scendendo a volte fino al cazzo di fra a dargli una bella leccata.
Quando venne il momento in cui elisa non ce la faceva più a farsi scopare, ci chiese come e dove volevamo sborrare. “io voglio riempirti la bocca di sborra” dissi io “mentre il tuo ragazzo mi trapana l’ano”. Entrambi accettarono, così mi sdraiai sul divano su un fianco con francesco dietro che mi stantuffava il culo, ormai completamente aperto. Elisa invece iniziò a succhiarmelo tutto, facendomi provare un grosso piacere, e mettendosi a 69 con me. In quel modo potei infilarle tutta la mano nel culo e tutta la lingua nella sua figa. Le botte anali che francesco mi dava mi fecero venire in meno di due minuti. Sette fiotti di sborra uscirono dal mio cazzo e riempirono la bocca di elisa che si tenne la mia cappella ben stretta tra le labbra. Mi ripulì tutto il cazzo e ingoiò come una maiala. Ora doveva venire francesco. Mi chiese di farlo venire con un pompino, dato che con elisa aveva già provato qualunque sborrata possibile ma gli mancava quella in bocca ad un ragazzo. Io mi inginocchiai davanti alla maestosità del suo pene e succhiai a più non posso, mentre lui spingeva la mia testa sempre più verso le sue palle. Elisa dal canto suo si mise dietro di me, a leccarmi l’interno del mio ano sfondato e divertendosi a mungermi il cazzo e a mettere le sue dita nel mio culo. La cosa mi eccitava da matti e infatti il cazzo mi ritornò subito duro. Ma mentre la mia ex si trastullava con il mio culo, francesco esplose, versandomi in bocca tutta la sua dolcissima sborra..contai non meno di 10 poderosi schizzi di caldo piacere, parte dei quali inghiottì direttamente senza quasi rendermene conto. Appena tutte le sue palle si svuotarono, mi girai, presi elisa, le spalancai le gambe e la penetrai con il mio cazzo appena tornato duro..lei mise le mani sul mio culo, spingendo il mio cazzo più in profondità possibile e iniziando a spalancare la bocca. Aspettavo proprio quello. Aprì la mia bocca e le sputai in gola tutta la sborra del suo ragazzo che mi ero tenuto in bocca. Lei apprezzò, tirando fuori la lingua e invogliandomi a limonare con lei (cosa che ovviamente feci). Mentre le nostre due lingue ricoperte di sborra si intrecciavano, lei raggiunse l’ennesimo orgasmo della nottata e io tirai fuori il cazzo dalla sua figa completamente slabbrata e le sborrai in faccia, sdraiandomi sfinito sul tappeto. Lei si alzò, mi baciò facendomi leccare un po’ della mia stessa sborra e mi ringraziò per la bella nottata. Mi rivestii e andai via, lasciando quella maiala a farsi scopare dal suo ragazzo per il resto della notte, ma lasciandole il mio numero di telefono casomai le venisse voglia di farsi sfondare il culo da me o di sfondare il mio..