il pene di Carlo

Avevo conosciuto Carlo al lavoro ed eravamo diventati subito affiatati, non era un fotomodello anzi ma era uno che con le donne ci beccava e tanto anche se c’era qualcosa che non riuscivo a capire di lui, cioè nonostante un mare di ragazze gli corressero dietro lui non se ne fregava, non era gay sapevo che aveva la ragazza al suo paese natale e che ogni tanto veniva a trovarlo quindi pensai che fosse uno con la testa a posto, a volte lo invitavo a casa mia ed una di queste eravamo a cena tranquilli, un buon bicchiere di vino, si ride e si scherza ma ad un tratto accade l irreparabile.
Quando mia moglie si alza per servire il caffè un bottone galeotto della gonna si rompe e la gonna scivola lasciando mia moglie con indosso i collant e una striscia che doveva essere un perizoma, mia moglie arrossisce e nei pochi secondi in cui resta in cucina vedo che Carlo nonostante lei fosse mezza nuda quasi non ci fece caso mentre io mi ritrovai con il cazzo duro e se non ci fosse stato Carlo l’avrei scopata in piedi senza troppi convenevoli.
Lo accompagno a casa e mi viene naturale cercare di tornare sul discorso di mia moglie ma sembra evitare cambiando subito e saltando su un’altra cosa e così mi incuriosisce sempre di più visto che decido di fargli qualche domanda per capire cosa gli può passare per la testa visto che mia moglie è una donna che si scoperebbe qualsiasi uomo,
arriviamo a casa sua e mi chiede se voglio bere qualcosa,gli dico di si e intanto cerco di guardare in giro se c’è qualcosa che mi possa fare capire qualcosa di più di lui, ma niente.
Stiamo bevendo comodamente sul divano quando mi guarda e ride:
-Hai ancora il cazzo in tiro da prima?
-Eh si hai visto mia moglie?
Non disse niente, si girò su un fianco e mi mise la mano sulla gamba cominciando a carezzarla:
-Chissà come la sfondi quando torni a casa, con questo pacco che ti ritrovi.
-Ma dai Carlo…..togli la mano da lì.
-Ma non l’hai ancora capito, mi dice dopo aver chinato la testa e avermi dato un bacio sulla patta.
-Sono bisex, mi attraggono un casino i maschi se poi sono dotati come te…….Mmmmmmmm.
La testa comincia a girarmi e il cuore batte a mille, lo sto volendo anch’io, per la prima volta un’ uomo mi sta donando piacere e anche cercando di resistere penso non riuscirei a farlo per molto perché ormai il cazzo mi sta scoppiando nei pantaloni e Carlo lo ha capito mi solleva la maglietta e comincia a baciarli i capezzoli e sto sentendo più piacere di quando lo fa mia moglie, ma che mi succede?
Sto cominciando anch’ io a desiderare di toccare il suo cazzo ma nella posizione in cui mi trovo non riesco, mi passano mille pensieri nella testa e uno più peccaminoso dell’altro mentre Carlo ora ha tolto il cazzo dagli slip e lo sta segando piano tirando giù con delicatezza la pelle dalla cappella e ritirandola su di nuovo, si sta alternando in questo scappella mento godurioso che mai e poi mai avrei pensato di apprezzare ne di provare.
-Lo avevo immaginato così grosso e duro e soprattutto così saporito…ohhhhhh…mmmmmm continua nel suo lavoro di lingua sulla cappella e sull’asta, su e giù sa che tra poco il mio piacere gli esploderà nella bocca, lo intuisce da come sussulto da come il mio cazzo continua a indurirsi e fremere sotto il tocco della sua lingua morbida e d a come la mia mano che prima teneva la sua testa sul cazzo ora la sta spingendo facendoglielo ingoiare tutto, dettando i movimenti del piacere che sta per arrivare.
Spingo la testa all’indietro e chiudo gli occhi:
-Com’è bello siiiiii non fermarti sei bravissimo….lecca lecca tutto il cazzo….ahhhhhhhhhh.
Sento il rumore della mano che sbatte sulla sua pancia si sta segando mentre mi spompina, voglio vedere che sberla di cazzo si ritrova tra le gambe e toccarglielo, segarlo anch’io e provare quella goduriosa sensazione che sta provando lui mentre lo fa a me allora apro gli occhi ma non è come mi aspettavo, Carlo ha un cazzo piccolissimo e sottilissimo, duro come se lo ritrova la cappella si scorge a malapena da quel folto cespuglio nero di peli e lo sta segando con 2 dita, sembra quasi una sigaretta tanto è piccolo, sarà si e no 4 cm.
Ho sbagliato a guardare perché l’eccitazione nel vedere il suo cazzettino mi sta per far sborrare nella bocca di Carlo così metto una mano sulla sua testa e comincio a schizzare nella sua bocca e lui da esperto qual è ingoia tutto senza fatica….chissà che sapore ha la sua sborra, ho provato ad assaggiare un po’ della mia dopo una sega, ma credo che la situazione cambi tutto e mi faccia apprezzare quel nettare che tra un po’ uscirà dal suo piccolissimo pene, bere mentre esce dalla sua cappella così piccola tutto il liquido che esce da quel piccolo taglio.
Sborra anche lui dopo pochi secondi con un rantolo quasi soffocato:
-Cazzoooooooooooo sto sborrando siiiiiiii sto sborrando….sborro sbo……sborroooooooooooooo.
Il nettare che esce si deposita sulla sua pancia pelosissima, Carlo è molto peloso un pelo nero che ora sta facendo crescere in me la voglia di carezzarlo, di baciare il suo petto villoso e il suo giocattolino che spunta dal ciuffetto nero sul pube.
Lo capisce e si mette in piedi davanti a me ma ora il suo piccolo pene è completamente molle, si nota solo la cappella anch’essa molto piccola e tanta tanta pelle che scende dal cazzo cosa che farebbe pensare ad un cazzo mostruoso e invece….anche le sue palle sono molto piccole sembrano quasi abbozzate, forse sembrano grosse perché sono ricoperte anch’esse dalla folta peluria nera.
Comincio a toccarlo incuriosito con dita quasi timide, l’odore aspro di sborra e piscia fatta prima mi sta riempiendo le narici procurandomi piacere e schifo allo stesso tempo, così cerco di non annusare e comincio a leccare la punta appena visibile della cappella e di colpo il suo cazzettino riprende vita, si sta gonfiando nella mia bocca mentre Carlo mette un piede sul divano così che abbia anche le sue palle pelosissime davanti alla bocca:
-Leccami un po’ anche le palle…….sei bravissimo per essere la prima volta che lecchi un cazzo….oooooo…ahhhhhhhh.
Alterno il movimento della mano alle leccate di palle, mi fa eccitare vederlo, vedere il suo pelo che nasconde quel piccolo oggetto del piacere pronto da un momento all’altro a riempire la mia bocca con caldi schizzi di piacere tanto che non mi accorgo che ora un dito si sta infilando nel suo orifizio anale.
Non riesce più a capire nulla sta tremando per il piacere che attraversa il suo corpo, quel sottile piacere che parte dalle carezze che il dito gli sta facendo al suo buco del culo e che continua con la mia lingua che sta giocando e adorando prima la sua cappella poi le palle gonfie e durissime piene di sperma caldo, quando ad un certo punto mette la mano sulla mia testa e mi preme la nuca spingendomi ad ingoiare tutto il suo cazzo che da li a poco comincia a spruzzare sborra calda e abbondante nella mia bocca che però inesperta non riesce a deglutire tutto quel nettare facendomelo sputare per non soffocare.
-O porca troiaaaaaaaaaaaaaa bevi bevi…..ohhhhhh beviiiiiiiiiiii.
Restiamo tutti e 2 nudi a carezzarci e prima di rivestirci ci scappa un bacio lingua in bocca, cosa che non avrei mai pensato.