io e Marcello

Se ripenso a com’è andata, la cosa mi appare ancora oggi incredibile, ma il fatto è che la realtà molto spesso si diverte a sorprenderci. Io e Marcello ci siamo conosciuti per via delle nostre rispettive fidanzate, Sonia e Magda, amiche intime, ma tra noi è subito scoppiato un feeling straordinario, come se fossimo stati amici da sempre.
Siamo entrambi, modestamente, due bei ragazzi, sportivi, dal fisico curato ma non pompato, petto e gambe pelose, barba incolta di due-tre giorni, lui più chiaro di carnagione e con i capelli biondi, fluenti, rispetto a me che sono moro ed ho capelli neri molto corti. Io lavoro nel campo dei medicinali come informatore scientifico, lui fa il capo area commerciale di una nota azienda di componentistica informatica.
Abbiamo gusti, idee ed atteggiamenti abbastanza simili, si direbbe che finiamo spesso per far fronte comune contro i capricci ricorrenti delle nostre ragazze. E capita che, di comune accordo con esse, passiamo qualche serata da soli, noi due in qualche birreria o pub, loro due al cinema o a qualche concerto.
L’intesa tra me e Marcello si è tanto fortificata che qualche settimana fa abbiamo deciso di andare a passare due giorni sulle neve, noi due soli, senza la petulante presenza delle due rompiballe, che peraltro non amano molto le piste innevate. E così un bel sabato dello scorso marzo siamo partiti di buon’ora per Vigo di Fassa, dove la famiglia di Marcello dispone di un piccolo chalet, una casetta di legno composta da cucina-tinello, due camerette da letto e un confortevole bagno.
Arriviamo per mezzogiorno e ci sistemiamo occupando ognuno una cameretta, arredata con gusto sudtirolese, con letto da una piazza e mezza. In un attimo indossiamo tute e scarponi da sci e ci fiondiamo sulle piste, dove restiamo a sciare fino al tramonto.
In pista poca gente, ma la neve è ancora abbastanza alta. Restiamo a sciare sino al tramonto, sul fare della sera torniamo a casa e ci spogliamo per farci una bella doccia. Giriamo per casa seminudi, ma lo facciamo con disinvoltura, dato che, frequentando a Milano la stessa palestra, siamo stati tante volte insieme sotto le docce. Poi ci vestiamo normalmente, jeans pesanti, camicia e maglione, giacca di montone, per uscire. Aperitivo in un locale del centro e cena in una trattoria molto ospitale, il proprietario conosce Marcello e ci tratta con molte premure.
Usciamo che siamo già un po’ su di giri, ma dopo aver fatto due passi ci facciamo ancora un altro cocktail in un pub non lontano da casa casa. Non ci sono le nostre ragazze a controllarci e ne approfittiamo. Alla fine siamo un po’ alticci e ci incamminiamo dondolando verso casa. Qui ci sbraghiamo sul divano levando i maglioni e restando solo con la camicia. Accendiamo la tv, ma non c’è niente di bello.
“Sai che ti dico, qui ci vorrebbe un bel porno”, dico io sghignazzando.
Ma in casa non ci sono dvd di nessun genere.
“Ho solo questo”, dice Marcello, “spero che possa fare lo stesso effetto”.
Tira fuori una bella canna ed apre una bottiglia di whisky invecchiato. La bottiglia arriva a metà tanto velocemente quanto la canna finisce. Siamo ormai in orbita tutti e due. Faccio per alzarmi ma gli cado addosso, viso a viso. E lì scatta l’imponderabile. Ci guardiamo intensamente a pochi centimetri l’uno dall’altro, direi che ci annusiamo, poi, non so per quale impulso e non ricordo chi lo fa per primo, ci ritroviamo ad avvicinare le bocche a scambiarci l’alito e poi, subito dopo, a baciarci e ad intrecciare le lingue.
Non ci rendiamo neppure conto di quel che ci sta accadendo, non siamo più padroni di noi stessi, siamo come posseduti da un demone. Limoniamo furiosamente per un buon dieci minuti e, strada facendo, ci liberiamo delle camicie e dei pantaloni; siamo in boxer, ci baciamo ripassandoci le mani su tutto il corpo, tra i peli, stuzzicandoci i capezzoli, che a turno ci succhiamo voracemente. Ma poi cominciamo a palparci il pacco duro attraverso la stoffa dei boxer e proviamo ad andare in camera, barcollando.
Non so come ci arriviamo, ma ora siamo sul suo letto a baciarci il cazzo attraverso il boxer teso, in un 69 tanto improvvisato quanto spettacolare, finchè finalmente ci sfiliamo questa stoffa ormai ingombrante e umida della nostra eccitazione.
Io non ho mai fatto nulla con un uomo, e penso pure lui, i nostri movimenti sono un po’ infantili. Ad un tratto scoppiamo a ridere, e ci facciamo un altro sorso di liquore. Ma poi, ebbri, torniamo al nostro 69. Ci lecchiamo le palle, poi risaliamo lungo l’asta fino alla cappella lucida e bagnata. Non avevo mai sentito il sapore di un uccello, ma devo dire che non è niente male, mi ricorda il latte di mandorla.
Ci immergiamo in un bel pompino, leccandoci le palle, toccandoci ovunque. Siamo tutto un solo gemito di godimento. Le nostre mani sono come impazzite. Io gli stuzzico il buchino e lui apre la bocca in un gran sospiro. Quando lo fa a me, comprendo bene la sensazione indicibile che ha provato. Lui però spinge anche il dito, mi forza l’entrata, ma sono così eccitato che penetra senza trovare resistenza. Giochiamo un po’ così, ce lo lecchiamo per bene, poi torniamo a limonare, io sopra di lui, lui sdraiato sotto di me, con le gambe spalancate, i due uccelloni in tiro.
Siamo tutti e due ben dotati, una ventina di centimetri di carne vogliosa. Nella posizione in cui sono, mi sposto come per sedermi e sento il suo cazzo premere sul mio culo. È umido e viscido della mia saliva e dei suoi umori, con uno sguardo ci comunichiamo la voglia inappagata e perversa che ci possiede.
Ultimo sorso di whisky, la bottiglia ormai è vuota. Scendo lentamente col il mio culo su quel palo di carne. Sento un attrito doloroso, ma dura poco; molto presto sento la sua cappella entrare come un coltello caldo nel burro. Sono troppo confuso per meravigliarmene, eppure è la prima cosa dura, solida, che entra nel mio culo.
Scendo lentamente lungo l’asta vibrante di Marcello. Il canale è stretto, sento ogni sua venatura, ogni sua contrazione, vedo il suo viso in una espressione di goduria indescrivibile, come lui poi descrive il mio mentre mi impalo. Arrivo in fondo. Sento le sue palle contro le mie natiche.
Ho dentro 20 centimetri di cazzo e sto godendo come un maiale, col mio cazzo teso all’inverosimile. Non so quanto resto in questa posizione; d’improvviso mi rendo conto che ci siamo spostati e ora sono io sdraiato supino e lui che mi cavalca tenendo alte le mie gambe. Lo estrae lentamente, poi lo affonda, prima lentamente, poi sempre più veloce.
E’ troppo, non resisto e vengo. E’ un torrente, la mia sborra mi arriva fino al petto, i peli imbrattati di caldo sperma. Intanto i colpi di Marcello ora si fanno violenti, sento il cazzo di Marcello pulsarmi nel culo e, nel giro di pochi secondi, riversarmi dentro una gran sborrata tiepida. Subito dopo si adagia su di me, ancora dentro di me, e ci baciamo. Intanto lo sento ammosciarsi, si sdraia accanto a me e ci abbracciamo. Un rivolo caldo esce dal mio culo e mi procura l’ultimo brivido.
Ci addormentiamo così, avvinghiati, e la mattina dopo così ci ritroviamo. Nudi, abbracciati, con i segni e i residui sul corpo di quella che è stata una scopata fantastica, con un odore di sesso maschile che pervade tutta la cameretta.
Marcello si alza per primo e si dirige in bagno per farsi una doccia. Lo seguo e arrivo dietro di lui, sotto l’acqua scrosciante gli cingo i fianchi e schiaccio il mio cazzo in mezzo alle sue natiche muscolose. Con una mano gli accarezzo il petto e titillo i capezzoli, con l’altra sollecito il buco del suo culo lubrificandolo con il gel del bagnoschiuma. Non abbiamo bisogno di parlare, istintivamente Marcello indietreggia col suo culo come ad accogliere la spinta del mio cazzo irrequieto. L’acqua calda, i vapori del box doccia, il sapone fluido, tutto concorre ad accompagnare al meglio quella improvvisata penetrazione. Scivolo meravigliosamente nel suo sfintere, quando arrivo a ficcarglielo sino in fondo emetto un urlo di goduria, come di vittoria; quindi gli passo davanti la mano destra e afferro energicamente il suo cazzo che sego all’impazzata fino a farlo sborrare. Glielo sfilo versandogli sulle chiappe gli ultimi schizzi, lui si gira verso di me e ci abbracciamo con passione, intrecciando le lingue in un bacio senza fine.
Dopo la doccia ci vestiamo e andiamo a fare colazione al bar sotto casa. Poi un’altra giornata in pista, prima di ripartire e tornare a casa dalle nostre morose.
Lungo il viaggio di ritorno parliamo a lungo di questo straordinario week end. Marcello mi confida che aveva avuto qualche fantasia bisex, ma non aveva mai nemmeno pensato che l’avrebbe potuta mettere in pratica. Io gli dico che è stata un’esperienza tanto inattesa quanto stupefacente e che non sento alcun rimorso. Quando arriviamo sotto casa sua, prima di lasciarci ci baciamo ancora nella penombra della macchina.
Da quel giorno le nostre vite sono tornate quelle di sempre, anche se, quando ci incontriamo in compagnia delle nostre ragazze, non manchiamo di scambiarci sguardi di intesa e di voglia, che solo noi riusciamo a decifrare. Certo, ci tocca attendere che torni la stagione invernale per poterci regalare qualche altro week end come questo.
Ma il destino ha deciso di giocare in nostro favore. Una decina di giorni fa le due amiche ci hanno comunicato che, per il ponte del 1° maggio, hanno pensato di fare anche loro un viaggio in Spagna da sole, senza di noi. Annuncio inatteso, che ci ha un po’ spiazzati. Marcello mi ha tirato da parte e mi ha detto in un orecchio, in tono un po’ preoccupato:
“Queste due non me la raccontano giusta. Le vedo troppo complici. Vuoi vedere che magari si danno piacere anche da sole?”
Io ho reagito diversamente. Gli ho risposto sghignazzando:
“E a te che te ne frega? … lasciale partire …. sapremo come consolarci della loro assenza, non credi?”
La data della loro partenza si avvicina, Sonia e Magda sono gasatissime, una esultanza sopra le righe nella quale Marcello vede la conferma dei suoi sospetti. La mia tranquillità lo fa incazzare:
“Chissà che combineranno in Spagna le due troiette!…..”, mi dice imbronciato.
“E chissà cosa combineremo noi in quei giorni!….”, replico io con aria impertinente, “…. ho qualche idea per la testa ….”
Marcello mi guarda sottecchi, poi finalmente sorride:
“Hai ragione, fratello, qualche idea ce l’ho pure io!”
“Vuoi vedere che è la stessa!?”, gli rispondo e scoppiamo a ridere a crepapelle.