la TRANS formazione del mio compagno di classe

“Ci vediamo tutti a casa mia – mi disse Chiara al telefono – cena di classe, non puoi mancare”
Erano trascorsi quindici anni dalla mitica classe del liceo, non avevo più visto nessuno, anche perchè mi ero trasferito per lavoro a Milano dopo la laurea.
Rivedere i vecchi compagni di Liceo mi incuriosiva, tanto che andai a rovistare tra le vecchie fotografie per ricordare i visi di tutti e venti gli alunni che componevano la 5° B.
Arrivò la sera e da Milano partii con la mia auto alla volta di Bergamo, destinazione casa di Chiara. Arrivai con po’ di ritardo, ma appena entrai furono baci, abbracci e pacche sulle spalle. C’era Paolo il capoclasse, Laura soprannominata “quattrocchi”, Lucio il casinista, la timida Annmaria; ma i miei occhi cercarono Emiliana, la più bella, e appena la scorsi rimasi deluso. Emy aveva messo su un po’ di chili dopo essersi sposata ed essere diventata mamma di tra bimbi. Scambiammo due parole lei lavorava presso un centro commerciale come commessa e mi disse che era molto contenta della propria vita.
Poi mi rivolsi verso Chiara, la padrona di casa e colei che aveva avuto l’idea, gli sorrisi e le baciai sulle guance. Chiara era rimasta single come me e questo gli aveva fatto bene; vestita in jeans stretti e maglietta portava benissimo i suoi trenta cinque. “Grande idea – gli dissi – non vedo l’ora di iniziare a mangiare e chiacchierare.” “Deve arrivare Roberto – mi rispose – poi andiamo a tavola”.
In quel momento suono alla porta, Chiara aprì e davanti noi apparve non Roberto ma una splendida ragazza dentro un tubino di lana stretto di color nero. Un timido ciao uscì dalle sue labbra. Rimanemmo tutti a bocca aperta, di Roberto era rimasto solo lo sguardo impaurito, il resto si era trasformato in uno splendido cigno.
In un momento capì che Chiara doveva aver sudato le proverbiali sette camicie per convincere Roberto a presentarsi alla cena, e l’imbarazzo che aleggiava non aiutava certo la situazione. Ruppi il ghiaccio andando incontro alla nuova arrivata con un sorriso e baciandola gli dissi: “Sei semplicemente splendida”. L’imbarazzo iniziale scomparì e poco alla volta tutti salutarono il “nuovo Roberto”; “Grazie – mi disse sotto voce Chiara – riesci sempre a fare la miglio casa nel momento più difficile, mi sei sempre piaciuto per questo”.
Dopo i saluti si passò alla cena, Chiara aveva organizzato tutto alla perfezione. Durante la serata ebbi la possibilità di parlare con tutti e devo dire che il tempo era stato clemente con me. Molti dei miei ex compagni avevano messo su qualche chilo, alcuni avevano perso capelli. Io mantenevo un aspetto piacevole anche; grazie alla passione per la bici avevo un fisico invidiabile, mentre la capigliatura era soltanto un po’ sale e pepe.
La serata trascorse tranquilla poi intorno a mezzanotte cominciarono i saluti, si rimase io Chiara e Roberta. “Vado anch’io – dissi – grazie per la serata spero di non far trascorrere altri quindici anni prima di rivedervi”.
“Torni a Milano a quest’ora – rispose Chiara – dormi qui e parti domani mattina, così accompagni anche Roberta all’aereoporto”. Riflettei un attimo e poi decisi di restare, ripartire per tornare a casa non era una bella idea soprattutto dopo aver un po’ bevuto. “Ok – dissi – ti ringrazio”.
Andai nel bagno, Chiara mi dette spazzolino e asciugamani nuovi e mi fece vedere che potevo dormire sul divano. Uscii dal bagno mi recai presso il divano e alzando gli occhi mi si presentò una scena incredibile. A sedere vestita solo di un reggiseno bianco che comprimeva un paio di tette c’era Roberta a gambe larghe; la chioma rossa di Chiara sull’inguine di lei, la mani sinistra che cercava di far aprire ancora di più le gambe di Roberta e quella destra che teneva il suo cazzo che spampinava allegramente.
Rimasi di pietra. Chiara si girò verso di me e disse: “Vuoi unirti a noi?”.
Gli sguardi di entrambi mi penetrarono mi avvicinai con decisione, mi slacciai i pantaloni, presi il viso di Chiara e gli infilai il mio cazzo in bocca. Chiara iniziò a succhiare voracemente, mentre Roberta mi aiutava a togliermi i pantaloni e il resto dei vestiti. Ansimavo mentre con la mano spingevo al testa di Chiara sul mio inguine. Roberta guardava e sorrideva, poi si avvicinò, e Chiara sorprendendo pure me si sfilò il mio cazzo di bocca e lo porse direttemente a lei che subito continuò il pompino. La scena fu così rapida e naturale che mi colse all’improvviso tanto che continuai a seguire i vari passaggi di bocca in bocca. Ad un certo punto, mentre Chiara era intenta a succhiare, Roberta iniziò a massaggiarmi le natiche, poi con le dita mi apri le chiappe e iniziò a leccarmi il buco del culo. Ero estasiato dalla doppia leccata tanto che con con le due mani spingevo entrambi.
Mi sdrai sul divano oramai nudo Chiara si mise a sedere su di me infilandosi il cazzo dentro la fica. La mia ex compagnia, come ho avuto modo di dire precedentemente, era una donna sempre piacente, i fianchi avevano un po’ ceduto, ma il seno era sempre sodo; e soprattutto era una grande porca. Gemeva reclinando la testa e reggendosi con la destra alla spalliera del divano. Senti dietro di me Roberta che saliva sul divano ponendosi sopra di me, prese la testa di Chiara e la tirò verso se mettendogli il cazzo in bocca. Chiara succhiava e scopava.
Ci alzammo tutti, Chiara si mise a pecora mostrando tutto il suo lato b, Roberta iniziò a leccarle l’orifizio, mentre io tenevo sempre la bocca occupata di Chiara, poi mi guardò e disse: “A te l’onore”. Chiara si prese le natiche le allargò ed io feci scivolare piano piano il mio cazzo nel culo. Inizia a pompare facendo sbattere le mie palle sulle chiappe di Chiara mentre Roberta mi iniziò a leccare le palle. “Che bel culo che hai – mi disse – Roberta – scommetto che non hai mai assaporato un orgasmo anale, vero?”
“No – gli risposi – mai provato.”
“Se vuoi posso aiutarti.”
“No grazie gli risposi, posso solo dare…”
“Ok mi accontenterò”
“Voglio proprio vedervi – disse Chiara – due compagni che s’inculano”.
Orami ero in ballo guidato da quel godimento, mi misi a sedere sul divano, Roberta fu sopra di me presi il mio cazzo e se l’ho infilò tutto dentro il culo. Aggrappandosi alla spalliera del divano saliva e scendeva, mentre il suo cazzo sbatteva sulla mia pancia. Ero fuori di me, Chiara mi guardava godere mentre aiutava Roberta nella manovra di sali e scendi.
Stanca di quella posizione Roberta si sollevò, e mi fermai a guardare tutta la sua trasformazione. Già a scuola Roberto aveva avuto sempre un’aria femminile, me i capelli castano scuri che si fermavano poco dopo le spalle, le tette e quel culo lo facevano essere donna a tutti gli effetti.
Vide che la guardavo sorrise e si mise il medio in bocca; poi guardò Chiara, strizzo un occhio e avvicinò lo stesso dito sul mio orifizio cominciando a massaggiare il buchetto. Rimasi paralizzato, Roberta si fece più audace, si chinò mi allargò le gambe e cominciò a leccarmi il buco del culo, inserendo sempre più il dito. Non riuscivo a farla smettere, mentre Chaira mi spompinava.
Termianato di leccarmi, si alzò prese il suo cazzo e lo avvicinò al mio buchetto iniziando a spingere. Senti un po’ di dolore ma Roberta spingeva mentre si teneva la gambe allargate. Una vota entrata cominciò a pomparmi mentre con la destra mi segava l’uccello, venni in poco tempo, e subito dopo venne anche Roberta dentro di me. Chiara iniziò a pulire con la lingua prima la mia pancia, poi il cazzo di Roberta e il mio culo da cui usciva lo sperma di Roberta.
La mattina ci preparammo salutai Chiara, portai Roberta all’aereoporto e torna in città.