ricordi. Parte 22

Era un pomeriggio d’estate – racconta stefania – e i genitori di lucia e miei erano usciti insieme per andare in un grande centro commerciale. Sapevano che a noi la cosa non interessava e portarci con loro sarebbe stato solo deleterio. Così decidono di lasciarci tutti quattro a casa di lucia raccomandandoci di essere bravi.
Non appena li vediamo partire con la macchina, io e lucia già d’accordo, avvisiamo i due gemelli che vogliamo fare un po’ di giri in bici nel quartiere ma senza che i nostri genitori lo vengano a sapere. Abbiamo pensato di dire loro così per lasciarli soli per un po’ in modo tale che possano approfittare di quel periodo di assoluta solitudine per fare i loro comodi. Naturalmente noi ci nascondiamo in casa e aspettiamo con calma che si chiudano in camera. Spiandoli poi dal solito buco della serratura abbiamo la possibilità di assistere con calma a tutto.
Si stanno guardando con uno strano sorriso sulle labbra mentre si spogliano completamente nudi. La consapevolezza di avere parecchio tempo a disposizione li rende euforici e cominciano a toccarsi e a baciarsi reciprocamente su tutto il corpo.
Mentre le loro mani vogliose palpano ogni parte del corpo dell’altro cominciano a baciarsi anche sulla bocca. Finora non lo avevano mai fatto e guardarli succhiare le labbra e la lingua dell’altro ci eccita moltissimo. Sapevamo che il loro rapporto non era considerato “normale” da tutti i nostri compagni di scuola e anche dai nostri amici e le frasi che lo descrivevano erano tutt’altro che simpatiche. Eppure a noi due la cosa non dava nessun fastidio, anzi ci intrigava sempre più e ci eccitava da morire. Sarà stato anche per il fatto che anche noi due avevamo un rapporto simile e nel nostro non trovavamo niente di sbagliato o di cui vergognarci. Ci piaceva e basta, tutto il resto non contava. L’unica cosa che se mai ci dispiaceva era quella di non poterne parlare con nessuno. Ma torniamo a quel giorno.
Ormai sono tutti e due sul letto, a “69” e si stanno facendo un gustoso bocchino. Ma spesso fanno uscire il cazzo dalla bocca e le loro lingue vanno a cercare il buchetto tra le natiche, lo leccano con cura e s’infilano dentro più possibile. Ogni tanto sostituiscono le dita alla lingua infilandosele fino in fondo anche due per volta. L’allenamento fatto con tutti quegli oggetti è servito sembra!!
Ora si sono alzati e come se fossero già d’accordo uno dei due si appoggia con le mani sul bordo del letto mentre l’altro si posiziona dietro e comincia a spalmare un po’ di crema sull’ano. Poi prende in mano il suo cazzo ben eretto e avvicina la cappella struffandola su e giù sopra lo sfintere. Ora la spinge verso l’interno e con apparente facilità scivola dentro tutta quanta. Fermandosi chiede al fratello se sente dolore e rassicurato che non è così riprende a spingere piano fino a che le sue palle non sono attaccate alle natiche.
Si ferma di nuovo chiedendo se va tutto bene e alla risposta affermativa del fratello comincia a tirare fuori il cazzo quasi completamente per poi rinfilarlo un po’ più velocemente fino in fondo. Ora ripete l’operazione varie volte e ad ogni affondo sbatte con le palle su quelle del fratello. Quest’ultimo emette dei gemiti di piacere ad ogni affondo e li accompagna con frasi eccitate:
– Si, dai, spingilo dentro tutto, avevo paura che avrei sentito dolore e non pensavo che invece fosse così piacevole. Mi da un gusto sentirlo che mi riempie tutto dentro e sento benissimo la cappella gonfia andare avanti e indietro.
Il fratello è anche lui eccitatissimo e tenendolo per i fianchi lo incula sempre più veloce finchè non gli dice che sta sburrando. Sono tutti e due molto eccitati e gemono ed emettono piccole grida soffocate.
Io e lucia ci alterniamo a guardare ma nello stesso tempo ci masturbiamo a vicenda prese anche noi da un’eccitazione mai provata. Vederli mentre si stanno baciando dopo aver sfilato il cazzo dal culo ci fa capire quanto la cosa li abbia coinvolti e sia stato per entrambi un grosso nuovo piacere.
Mentre li sentiamo parlare di dover rimandare per motivi di tempo (noi due potremmo rientrare da un momento all’altro) la restituzione del favore tra loro, io e lucia al colmo dell’eccitazione veniamo l’una sulle dita dell’altra dopo un ditalino di una intensità mai provata.
Mentre ci allontaniamo un pò e ci nascondiamo in giardino, commentando quello che abbiamo visto, confessiamo quasi all’unisono che a tutte due piacerebbe davvero tanto poter provare cosa si sente a prendere un cazzo nel culetto. Dalle espressioni che abbiamo sentito dai due gemelli, le sensazioni piacevoli che proviamo infilandoci a vicenda quegli oggetti non devono reggere assolutamente il paragone e un po’ sconfortate ci diciamo – chissà se un giorno riusciremo anche noi a sentire cosa si prova?!
Finora purtroppo questo non è ancora avvenuto – conclude stefania. Poi riprende a raccontare che naturalmente i due fratelli si scambiarono le parti e grazie a lucia, che aveva ascoltato di nascosto dove e quando sarebbe avvenuta la cosa, riuscimmo ad assistere anche a questo incontro con le stesse emozioni, soddisfazione ed eccitazione di tutti e quattro.
E da allora sono alcuni mesi che le cose vanno avanti così. Ma ora – continua guardandomi e sorridendomi con quell’espressione che mi piace tanto – sono qui, con te, e non mi dire che la cosa non ha eccitato anche te. Le rispondo che sono più che eccitato, non tanto e non solo perché il suo racconto è stato intrigante, ma anche e soprattutto perché mi ha fatto rivivere attimo per attimo tutte le sensazioni ed il piacere che ho provato io quando l’ho fatto queste cose la prima volta, sia con il mio amico C. che con mio fratello.
E so molto bene che gusto da – le dico.
Beh allora dobbiamo organizzarci – dice lei………….