ritorno al passato

Sono un uomo separato ovviamente sono solo nella mia grande casa e fino ad ora mi sono mantenuto tranquillo..non sono mai uscito, ho saputo resistere a quel malessere tipico degli uomini soli in città che li spinge a cercare improbabili avventure , trasgressioni e follie notturne…per meglio inquadrare l’avvenimento oggetto della confessione, mi descrivo brevemente: sono un uomo né brutto né bello, con il viso da ragazzino invecchiato, alto 175, attualmente peso 68 kili, ho 46 anni e sono ancora molto attivo, anche se lo stress ha di molto ridotto la mia attività sessuale…d’altra parte non ho tempo per rapporti ed odio i rapporti mercenari…….Conduco ormai da oltre venti anni una vita irreprensibile, ho due figlie veramente brave e serie..ho tutto per essere felice, e sono felice in fondo. Certe ombre del mio passato sono ormai sepolte e totalmente dimenticate, certi accadimenti della mia vita adolescenziale, legati a persone terribili e veramente perverse che mi avrebbero potuto condizionare la vita, sono scomparse quando conobbi e mi innamorai, ancora studente, di quella che adesso è la mia ex moglie, con lei tutto cambiò. Fatta questa lunga introduzione, passiamo a ciò che mi è successo ieri pomeriggio, verso le due, con un caldo terribile che neppure l’aria condizionata della mia macchina, sia pure al massimo, riusciva a mitigare…le strade erano vuote, io scendevo lungo via colli della Farnesina, verso il mio ufficio, posto ai Parioli…ero stanco, ma anche stranamente eccitato, e stavo rimpiangendo di aver dimenticato di andare al bagno prima di uscire di casa…Giunto alla curva prima dei grandi svincoli il bisogno era divenuto così impellente che approfittai della piazzola di fronte all’ingresso del parco di monte Mario per fermarmi, scendere e cercare un posto tranquillo per scaricarmi…..con la coda del’occhio, mentre salivo lo scosceso sentiero vidi due macchine arrivare e parcheggiare…ma non me ne curai…basta infatti infrattrsi un po’ per sparire agli occhi di tutti… salii rapidamente il sentiero e lo percorsi fino in fondo, girai dietro un macchione e dopo aver tirato fuori il mio uccello, mi godetti una sana pisciata..subito non ci feci caso, poi mi sembrò sentire bisbigli e risatine, molto vicine a me..e realizzai che si trattava dei due autisti che avevano lasciato le macchine a fianco della mia. Avevano fatto lo stesso percorso, ed orano molto vicini a me..e per tornare indietro dovevo per forza passare davanti a loro..rimasi in dubbio, ipotizzai di aspettare che loro finissero, poi non ce la feci più e mi girai verso di loro……tutto il mio passato mi ritorno di colpo alla memoria…mi rividi ragazzino morbido e tenero giocattolo fra le mani del mio professore che mi dava lezione di matematica in ginocchio di fronte a lui mentre si faceva succhiare il cazzo duro, di come messo a pecorina mi penetrava il culetto, di come mi aveva trasformato in una docile puttanella…infatti davanti a me due maschi, uno forte, giovane trentenne, ben fatto, nudo totalmente, aveva fatto inginocchiare di fronte a lui l’altro maschietto, più giovane e più aggraziato e si faceva fare un pompino…io ero paralizzato, non volevo guardare, ma non riuscivo a staccare gli occhi da loro, ancora con il cazzo im mano, sempre più duro…. fino a che il grande non mi invitò con un cenno della testa ed un cordiale sorriso a raggiungerli, come fui a loro tiro si staccarono ed ambedue presero a svestirmi, accarezzandomi e complimentandomi per il bel culo ed il cazzo ormai ferocemente in tiro..poi il grande mi comunicò che sarei stato la loro mogliettina, ma che poi mi avrebbe concesso di sbattermi il suo pischello…mi fecero mettere a pecorina, io presi a raccomandarmi dicendo che ero vergine di culo..lui mi infilò mezzo tubetto di gel lubrificante nel buco e due, poi tre dita…lui sentenziò che ero molto, ma molto più troia della sua amichetta, mi impose di spompinarla mentre il suo randello prendeva a insinuarsi fra le mie chiappe…. come mi penetrò sentii un po’ di dolore e un po’ di bruciore, ma poi l’antico conosciuto piacere prese il soppravvento…lo ritrovai intatto… e mi abbandonai ai suoi violenti colpi che portavano i suoi coglioni a sbattere contro le mie chiappe, mentre le sue forti mani mi tiravano a sè trattenendomi per le anche..intanto io avevo preso il ritmo e partecipavo contento sia all’inculata che al pompino al ragazzetto che sembrava apprezzarlo molto…..il primo a venire fu il giovane che mi riempì la bocca e lo stomaco di calda sborra, allora il dominatore, senza smetter di incularmi invitò la sua troietta a mettersi sotto di me in modo che potessi incularla…trovai un guanto, morbido, caldo , capace di stringermi ad intermittenza..insomma una inculata coi fiocchi a cui mi impegnai al massimo per fare almeno col più giovane la mia figura, mentre il maschio che mi sovrastava stava raggiungendo il massimo…io collaboravo e la mia troietta, ben segata dalla mia mano, stava anche lei per esplodere…da un gemito più lungo e più intenso dello stallone che mi possedeva capii che stava finalmente per esplodere..anch’io non mi trattenni più, mentre la troietta da me segata aveva un nuovo orgasmo che faceva contrarre ritmicamente il suo culetto agevolando finalmente la mia sborrata , detti sfogo al mio duplice piacere con un lungo mugolio di vera soddisfazione, anche perchè il maschio che mi aveva così a lungo posseduto intanto con due colpi più convulsi mi praticava il più consistente clistere che mai avessi provato…ci abbandonammo accaldati e stanchi, ci scambiammo reciproci complimenti per il gran piacere che cii eravamo reciprocamente dato, ci baciammo in bocca e mentre ci rivestivamo lui mi chiese come mai non mi avessero mai incontrato dato che era indubbio che fossi una vera troia…loro d’altra parte erano veri abituè del posto , che riservava sempre sorprese, normalmente piacevoli…io confessai che per me era la prima volta…lui dandomi una sonora pacca sul culone mi invitò a non dire cazzate, ma soprattutto mi invitò a passare spesso di lì….per rincontrarci..o per scoprire nuovi compagni……infatti mentre noi scendavamo il sentiero incontrammo due giovani studentelli che avevano lasciato la motoretta al parcheggio e che frettolosamente andavano incontro ad un anziano che si era seduto proprio all’imbocco del sentiero come in attesa… giurai a me stesso che non sarei mai più passato da quella strada…ma come mai anche oggi sto rientrando a casa passando proprio di lì, con un impellente bisogno di fermarmi per dare aria al cazzo……