sesso con il trans

Giravo in macchina nella zona battuta dai trans alla ricerca di una che mi piacesse, dopo mezz’ora e ormai senza alcuna speranza mi accorgo di un gruppetto di 3 o 4 trans che prima non c’erano forse erano appena arrivate al “lavoro”, mi avvicino per vedere se qualcuna è di mio gradimento e dal gruppetto si avvicina alla mia macchina una di loro, per mia fortuna la più carina la quale invito subito a salire senza fare troppe domande.
Aveva un bel fisico e così ci avviammo verso casa sua, arrivati in casa le chiesi di poter usare il bagno. Finito, esco e la raggiungo in camera dove si era già tolta l’abbigliamento della parte bassa, non potei fare a meno di notare il pisello che pendeva tra le sue gambe, un arnese che moscio era intorno ai 15 centimetri, mi chinai per togliermi le scarpe e quando mi rialzai mi trovai a due centimetri dal naso il suo pisello, capii che sarebbe stata lei a dominare me quella sera, mi chiese di succhiarlo, anzi era più un ordine garbato, e tra la paura per quel cazzo enorme e l’eccitazione di provarlo ubbidii, iniziai a leccarglielo (con il preservativo), lo sentivo crescere nella mia bocca a tal punto che non potevo prendere che solo la cappella tanto era grosso, lo segai e le chiesi quanto fosse grosso, lei, un po’ per non spaventarmi, non volle dirmelo, così mi disse di mettermi a pecorina sul letto che avrebbe pensato a tutto lei, mi unse per bene il buchino e iniziò a puntarmelo, sentivo la sua cappella dura fare pressione, ma senza troppa aggressività, ci sapeva fare, dopo essersi fatta piano piano strada ero ormai bello scivoloso, il mio culo iniziò ad ospitare tutta la sua cappella per poi iniziare ad ospitare anche il lungo tronco, ero in estasi, mi stava scopando da dio ed io godevo come non mai. Bastarono pochi suoi colpi per farmi venire la prima volta, ma lei ne voleva ancora fermarsi, continuò, ancora non le bastava, dopo altri cinque minuti che mi scopava eccomi che arrivai di nuovo, non mi era mai successo di venire due volte in così poco tempo, e senza toccarmi, mi disse che per lei bastava e che non voleva venire dato che doveva ancora lavorare tutta notte e voleva conservarsi per altri, quando lo tirò fuori ancora duro, glielo riguardai non potevo credere di aver preso un cazzo così grosso, era 25 cm di cazzo, me lo disse lei dopo, dicendomi che se me lo avesse detto prima mi sarei irrigidito e fatto male, fatto sta che passata la botta di adrenalina il culo cominciò a bruciarmi da matti, sono tornado di nuovo varie volte con la speranza di ritrovarla, ma non sono più stato così fortunato.
A tutti quelli a cui piace questo tipo di rapporti consiglio di provare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.