una manager transex

Sono nata maschietto,ma già a cinque anni,mi sentivo mentalmente donna e il mio corpo,culetto,gambe,viso dai tratti delicati,lunghi e bellissimi capelli neri,ciglia da cerbiatto,tutto mi portava ad apparire una bambina. Adoravo giocare con le femminuccie e di nascosto mi truccavo ,in definitiva vivevo come sdoppiata e male,cercando di nascondere questa mia tendenza,per non subire i rimbrotti dei genitori e gli scherni dei compagni di scuola.Così trascorsi la mia infanzia sempre triste,finchè non giunsi all’età maggiorenne potei iniziare cure ormonali,terapie costose e chirurgiche,che portarono il mio corpo,già molto femminile,ad essere perfettamente donna.Un viso angelico,ciglia da cerbiatto,seni acerbi ,ben delineati con i capezzoli eretti,culetto stupendamente modellato a mandolino,e le gambe lunghissime,attraevo lo sguardo dei maschi quando passavo.Però nella mia città molti conoscevano la mia storia,e decisi di trasferirmi altrove,dove avevo trovato un lavoro come manager in una società che trattava con clienti esclusivamente di paesi esteri.Qui nessuno sapeva di me,se non che ero una affascinante,a loro dire,donna,ambita e corteggiata.Non avevo avuto ancora nessuna storia sentimentale ,perché presa totalmente dal mio lavoro e dalla carriera,giungendo ad alti livelli dirigenziali,stimata dai vertici della società.Avevo la mansione di concludere i contratti più ostici con le ditte,nostre clienti,di paesi europei,Russia compresa,asiatici e degli Stati Uniti.Mi favoriva in questo anche il mio aspetto femminile,oltre alle mie capacità professionali,doti che sapevo amministrare con l’arte tipica delle donne,convincendo i clienti più refrattari portandoli a letto,in un appartamentino di una città vicina,così nessuno dei colleghi o amici potevano intuire,apparendo così una donna refrattaria a legami sentimentali e di sesso.
Il Direttore mi convocò un giorno per inviarmi in missione in Russia,su richiesta di un importante ditta,per discutere e concludere definitivamente un contratto estremamente vantaggioso per la nostra società.
Così presi l’aereo per la città di P*,e dopo uno scalo a Parigi,arrivai felicemente a destinazione.Passate le formalità della Dogana,un taxi mi portò in delizioso appartamento,molto elegante nel centro della città,fornitomi dalla ditta con cui dovevo trattare la commissione.
Ero molto stanca,gettai le valigie su una sedia e mi spogliai completamente nuda,sdraiandomi sul divano e sorbendo in pieno relax un tè nero.Mi cullavo alla dolce musica della radio,mentre i miei muscoli si rilassavano e accarezzavo il mio gingillo,piccolo ma utile,che rispondeva al contatto delle dita.E lentamente sprofondai in un sonno pesante,risvegliandomi al mattino con il telefono che squillava.
Era il presidente della ditta che mi invitava ad un pranzo di lavoro in un ristorante tipico del luogo.
Mi tuffai nella vasca da bagno,dopo aver versato oli di intenso profumo orientale,godendo il rilassamento che mi permeava il corpo.Poi mi rivestii,infilando un mini perizoma nero,autoreggenti velate color carne,una camicetta scollata,che faceva intravedere un po’ di le mammelle e i capezzoli, infilai una minigonna vertiginosa,in fine mi truccai con maestria,e mirandomi soddisfatta allo specchio,uscii per prendere il taxi che nel frattempo avevo chiamato e che mi portò a destinazione.
Al ristorante ,come dissi il mio nome,un cameriere cerimonioso mi accompagnò al tavolo,dove un uomo di circa quarant’anni,bello,elegante mi aspettava. Si alzò cortesemente,squadrandomi dalla testa ai piedi,visibilmente soddisfatto del mio aspetto.Accavallai volutamente le gambe ,per scoprire intenzionalmente le cosce,mentre lui sorridendo mi chiese se desideravo una sigaretta.Al mio sì me la porse e l’accese con molta lentezza fissandomi,sorridendo,negl’occhi,in cui intravedevo un esplicito complimento ed anche velata cupidigia maschile.
Il pranzo terminò,un ottimo pranzo,dove non mancava il solito caviale innaffiato di champagne,infarcito di chiacchere e notizie informative su di me e sulla società e mi accompagnò in un salotto privato per discutere e parlare riservatamente.
“Signorina,veniamo al dunque,senza perdere temo”iniziò,in perfetto inglese”Il contratto le verrà consegnato firmato da me,per la sua società,oggi stesso,non si preoccupi,ma mi preme farle una proposta,molto vantaggiosa per lei,se l’accetta e supera la prova INCONDIZIONATA,potrà vivere per tutta la vita di rendita,senza più lavorare”.”Sì,mi prosegua“ risposiaccavallando le mie lunghissime gambe e scoprendo gra parte delle cosce,mentre mi accendevo una sigaretta con finta noncuranza.” Mia cara Signorina” soggiunse”So per certo che lei è una transex,molto bella e affascinante ,lo ammetto,dovrà rimanere isolata in un luogo da me scelto,senza contatti con l’esterno per un periodo di dieci giorni,superando le prove cui la sottoporrò,senza limite alcuno e che dovrà subire e superare senza opporre resistenza,se avverrà,come credo,perché la ritengo abile per farlo,riceverà un assegno con la cifra che lei deciderà e sarà libera di tornare al suo paese,per vivere ,come ho detto,di rendita.”Questa sera una persona,di mia fiducia, verrà nel suo appartamento per accompagnarla nel luogo da me prescelto”Prosegui.“Ora la lascio tornare alla sua abitazione,io devo assentarmi per un impegno di lavoro “ così dicendo mi baciò la mano ed uscì.
Ero sbalordita,sorpresa ma anche interessata,potevo risolvere la mia vita,il mio tenore economico con una prova di pochi giorni,che sicuramente avrei superata.Alla fine,pensavo,nulla è impossibile e poi potrei interromperla in ogni momento.
Così tornai nel mio appartamento,mi struccai,mi svestii e nuda sul letto accesi una sigaretta,lasciando fluire i pensieri,mentre la radio diffondeva una musica che mi cullava dolcemente,mentre con una mano sollecitavo il mio pisello,ero rilassata e non pensavo a nulla,solamente curiosa di sapere a che prova sarei stata sottoposta.Mentre così fantasticavo,bussarono alla porta,mi rivestii in fretta ed aprii.Davanti a me c’era un autista in livrea,che mi chiese se ero pronta per andare con lui,senza prendere nessun bagaglio,perché era tutto provveduto.
Chiusi la porta a chiave,discesi giù in fretta,con l’autista che mi faceva strada,aprendomi lo sportello di una limousine,sempre in silenzio.
Mi accomodai nel sedile posteriore e la macchina si avviò lungo vie che non conoscevo,finchè prendemmo un viottolo di campagna.Qui accostò e mi bendò,dicendo che erano gl’ordini ricevuti,e ritornando in silenzio riprese a guidare.Ora non vedevo ,sentivo solo che la strada era un po’ accidentata con molte curve e giri tortuosi,forse per non farmi rammentare il tragitto vero.
Ad un tratto frenò ed una mano sorreggendomi,mi aiutò a salire dei gradini e attraversando un lungo corridoio,scendemmo giù per una scala e mi introdusse in un locale,dove venni liberata della benda sugl’occhi.
Mi apparve una immensa sala,con alti archi acuti,di antica costruzione.La persona che mi aveva accompagnato fin lì,una donna,scomparve da una porta laterale,senza parlare e dopo pochi minuti entrò una ragazza molto bella,vestita di una tunica nera,con un grande spacco davanti e dietro,e potevo intravedere che sotto era completamente nuda.In silenzio mi levò tutti i vestiti e dopo avermi cosparso il corpo di aromi,mi infilò una tunica bianca simile alla sua,legandomi un piede ad una catena sul muro,facendomi segno di stare in silenzio .
Rimasi nella fioca luce di un lucernario per circa un’ora,un po’ stizzita,quando la porta si aprì nuovamente e la stessa ragazza mi portò in una altra stanza a fianco.
C’era al centro un tavolaccio pieghevole con dei buchi,e fui adagiata nuda sopra mentre anelli di ferro mi bloccarono polsi e caviglie in posizione orizzontale.Un meccanismo cigolò divaricandomi le gambe,poi la tavola si piegò in due ponendomi in posizione prona,con il culetto al vento,mentre dai fori sporgevano le mie mammelle e sotto il pisello.
Di fronte su una parete a specchio potevo vedermi e scorgere ciò che c’era ed avveniva dietro di me.
Mentre osservavo tutto ciò,la ragazza era scomparsa e dal nulla era apparsa una giovane donna,bellissima,completamente nuda,con una maschera a pelle sul viso,un corpo snello e statuario,una venere nera che sorridendo si avvicinò lentamente di fronte.
Senza dir nulla all’improvviso prese nelle mani il mio pisello e lo masturbò per bene,tanto che si eresse turgido fino al limite estremo del coito,che ora diveniva paonazzo e duro da farmi male.Praticamente potevo desiderare,ma non potevo sborrare e neppure entrare nella sua fica che ridendo mi offriva,non riuscivo a resistere mi sembrava di scoppiare.Lei sempre di fronte e sempre più provocante,mentre io sentivo i testicoli gonfiarsi dolorosamente.Improvvisamente una luce rossa si accese e vidi allo specchio un uomo alto,atletico,mascherato,entrare da una porta dietro,nudo,avvicinarsi a me e prendermi a frustate sulle natiche,ma senza lasciare il segno,però bruciavano e mi facevano arcuare la schiena tanto da alzare il culetto e aprirlo contro volontà.Poi sentii che il suo grosso pene entrava dentro nel buco dolorante del culetto.Dopo il primo impatto di dolore provavo un certo piacere ,anzi mi aprivo alla sua penetrazione,urtava dentro mentre muggiva come un toro.” Troia italiana,apri il culo per bene”spingendo il suo enorme bastone dentro a fondo.Così soffrivo davanti con il pisello che fremeva di eiaculare,e contemporaneamente godevo dietro il culo aperto quel interminabile serpente aprirmi completamente,entrare con colpi sempre più rapidi e profondi nelle mie viscere.Il supplizio e il piacere era interminabile ed insopportabile,ora godevo da impazzire,non capivo più nulla,mi sembrava di volare,desideravo quel cazzo che mi sfondasse,finchè alla fine sentii schizzare il suo sperma dentro e colare sulle cosce,mi scoppiava la testa mentre urlavo di godimento e così scomparve,come la donna,lasciandomi in una sensazione di incompiutezza.
Ora tutto era silenzio e rimasi in quella posizione per un tempo indefinito,nel pallone più assoluto.
D’un tratto una porta laterale si aprì e rividi la prima ragazza,che mi liberò polsi e caviglie ,riportandomi nella prima stanza.
Mi lavò in una vasca,mi cosparse di olio il corpo e mentre lo faceva percepivo dai suoi occhi e dal contatto delle sue mani una simpatia verso di me e contro il regolamento le chiesi chi era.Rispose che era in quel luogo come una schiava e che aveva provato un’attrazione nei miei confronti fin dal primo momento.Ero così felice di sentire una voce amica che d’istinto la baciai e lei rispose entrando con la lingua.”tu mi piaci molto,lo sai?” mi disse “ ma nessuno deve sapere che ti ho parlato e tanto meno che ti ho baciata”soggiunse.” non temere” risposi e la attirai al mio petto,spogliandola della tunica.Eravamo entrambe nude,i nostri corpi vibravano al contatto,la mia mano scivolò sulla sua fica morbida e bagnata di umore,mentre la sua titillava il glande del mio pene,fino a masturbarlo.Non ci vidi più mi coricai sopra e affondai il mio cazzo turgido,eretto,spasimante da prima,nella sua fica aperta.La penetrai,pensando alla venere nera,entravo e uscivo nel sua fica dai petali aperti,senza sosta,mentre lei mi agevolava con i movimenti del corpo e del pube.La rigirai e la penetrai nel culetto,sentivo che godeva di piacere e lussuria che pienamente i miei colpi di penetrazione mugolando come una cagna in calore..L’incompletezza di prima con quei due,ora la scaricavo su di lei,era dolcissima,e contemporaneamente sensulale.La desideravo moltissimo,da molto tempo non facevo l’amore e finalmente dischiudevo la mia passione repressa per quella ragazza docile,che sentivo di amare e desiderare ,ricambiata.
La rigirai nuovamente penetrandole la fica aperta,rosea,umida ,entravo in lei sempre più a fondo,i colpi si susseguivano,mentre mugolava di godimento ,l’amplesso si fece sempre più intenso ,era stupendo,un’emozione VERA ORA,il mio pene scavava la sua fica ormai bollente ed esausta schizzai dentro tutto il mio sperma,dolce miele,riempiendola della mia linfa che si mescolava al suo liquido intimo.Restammo così abbracciate per lungo tempo,poi si riscosse e vestendosi,fuggì via,temendo di venire scoperta.
Verso sera mi portò la cena un’altra ragazza silenziosa,mi infilò la tunica e mi legò la caviglia alla catena infissa sul muro.La dolce ragazza era stata scoperta da una telecamera nascosta e forse non l’avrei più rivista.Cenai mi addormentai di un sonno pesante.
Al mattino mi portarono la colazione,poi mi spogliarono nuda,venne un uomo mascherato,messami un collare al collo,mi trascinò carponi per la stanza come un cane.Poiché mi lamentai,mi battè con una verga sui glutei,dicendo”taci,cagna,sei solo una puttana,devi sottometterti al volere de tuo padrone” e così dicendo m’infilò il suo cazzo in bocca.Lo leccai,lo succhiai sottomessa fino a farli uscire l’anima e con un grugnito di piacere espelleva lo sperma,così lo avevo fregato,perché era sfinito e non aveva la forza di incularmi come avrebbe voluto.Incazzato mi slegò ed uscì fuori.
Poi tutto il giorno non successe nulla fino a sera,quando mi sdraiarono nuda ancora sul tavolaccio,che piegandosi mi mise in posizione prona a pecorina.Rividi la venere nera,nuda,sempre più bella e spudoratamente sensuale nella sua provocazione.Se fossi stata libera dai legacci l’avrei spento il suo sorriso sardonico,inculandola per bene,ma purtroppo non era così.Si pose come al solito davanti a me,a cosce aperte,il suo stupendo pube roseo beante,dove tra le rosee piccole labbra si intravedeva il clitoride sporgere,estremamente lungo e tumido, e strusciandomelo sul viso, scoppiò in una risata.La odiavo e la desideravo! D’improvviso vidi riflesso sullo specchio un gigantesco uomo di colore,con un enorme cazzo,mai visto uno simile per lunghezza e grossezza,che senza preamboli ,divaricandomi i glutei me lo infilò nel culetto,mentre stringevo il buchetto,spaventata da quel coso enorme.Provai un forte dolore mentre il suo glande mi apriva,per scivolare poi nella sua interezza dentro.Pompava come un martello dentro e fuori il mio culo sfondandolo,incessante,mi sentivo squartare le viscere,la testa mi scoppiava, mentre la venere nera davanti,nuda mi provocava ridendo ed il mio cazzo si induriva di dolore per non poter sfogarsi.Dovetti subire quel incessante martellamento di quel cazzo esagerato,che mi apriva sempre più largo il buco,per un tempo che non finiva mai,finchè alla fine si svuotò innondandomi di sperma.E senza dire nulla,se ne uscì fuori,ero esausta,distrutta,sporca di sperma e con il buchetto dolorante aperto,sverginato totalmente,mi sentivo troia come mai prima.
Nei giorni susseguenti si ripeterono le stesse scene,venne anche un nano,poi addirittura un grosso cane che m’inculò,ed altre perversioni,tanto che mi sentivo non una persona,ma un oggetto.
La mia rivincita avvenne fortuitamente,quando la venere nera,venne da sola e approfittando del mio degrado morale,della mia sudditanza,mi slegò,sicura di se.
La presi per i fianchi e con forza la posi carponi sulla sponde del letto,divaricai le sue cosce e le infilai il cazzo,eretto,duro ,da tempo affamato di lei,nel suo culo bellissimo a mandolino.La sodomizzai,entrando dentro tutto,con colpi decisi,incalzanti di penetrazione.Poi la rigirai e divaricate le cosce penetrai nella sua fica calda,non rideva più,mentre martellavo dentro con il mio cazzo infuriato,entravo e uscivo decisa,e sempre più a fondo,finchè la sentii gemere di piacere,”godi troia” pensai ,e affondavo la penetrazione.
Ad un tratto strinse i miei fianchi per attirarmi a se,per sentire più profonde le penetrazioni,per gustare meglio il mio cazzo dentro la sua vagina aperta,beante di succo.”Cagna,maiala,ora non ridi pù,ma godi come un puttana”mormoravo al suo orecchio.
E mentre venivo irrorandola del mio sperma,sentii che anche lei aveva un orgasmo e la sua linfa si mescolava con il mio liquido seminale,d’improvviso il mio odio per lei scemò quando,tremante di felicità,mi disse “ Io non ti odio,anzi mi sei piaciuta dal primo istante,ma dovevo comportarmi così con te,perché sono solo una pedina in questo gioco,Ma ora voglio venire con te,vivere con te.Tu finisci ,completa i giorni ,e poi incassa l’assegno.Poi fuggirò con te,perché ti amo e lo avrai percepito nell’amplesso e per il rischio che ho corso per te”capivo che in fondo anch’io l’amavo.Le chiesi della dolce ragazza,perché non l’avevo più vista.Mi rispose “ non temere,è stata allontanata e segregata per causa tua,ma il giorno che fuggirò con te la libererò e la porterò con me”.
E così avvenne,che terminati i miei dieci giorni,superata la prova,incassai l’assegno,trasferendo i soldi sul mio conto in Italia,andai all’aeroporto dove trovai entrambe ad aspettarmi e prendemmo il volo per L’Italia . Ora sono un’impreditrice di successo.Vivo felicemente con la dea nera e la dolce ragazza in un’altra città del Nord,per tutti solo amiche,ma in realtà amanti.
Dimenticavo…in casa siamo sempre nude,come rondini,libere di amarci e godere il sesso senza limiti.
La storia è vera,reale e vissuta in prima persona,naturalmente ho occultato i nomi,perché sono un personaggio pubblico molto nota,nessuno conosce la mia vera identità transex e non vorrei essere riconosciuta.