volo annullato

Lavorare nelle grandi istituzioni finanziarie è la meta di tanti giovani laureati, ma l’esperienza è tra le più dure ed impegnative: continui spostamenti di sede, orari di lavoro impossibili, competizione ed espulsione sempre incombenti. Si guadagna tanto, ma si è sempre al limite, prossimi a scoppiare. Lavorare a Londra, nel cuore della City, ti dà la sensazione adrenalinica di vivere minuto per minuto i grandi trambusti finanziari che sconvolgono il mondo. Ma vivi la giornata sotto la spada di Damocle delle decisioni improvvise che possono essere assunte dal board della tua Società e che ti possono imporre di partire, nel giro di poche ore, per le sedi più diverse e più lontane, come mi è capitato più di una volta, o di vedere azzerata da un giorno all’altro tutta una divisione operativa, cioè di essere licenziati di colpo, come è accaduto purtroppo a tanti miei colleghi.
Sognavo una vita esaltante, e qualche buon successo professionale l’ho sicuramente conseguito. Ma in realtà ho scoperto una vita dura, angosciante, estraniante, nella esperienza quotidiana. Soprattutto per chi, come me, vive a Milano, dove ho moglie e figli e dove torno ogni venerdì per ripartire il lunedì alle luci dell’alba.
Quel giorno ero a Bruxelles, dove ero stato inviato insieme al mio collega francese Jean-Claude per mettere a punto una importante transazione finanziaria tra una banca belga ed una olandese. Avevamo il volo prenotato per spostarci a Madrid in serata, l’ultimo volo disponibile della giornata. In aeroporto troviamo la sorpresa: volo annullato. Maledizione! Avvertiamo i familiari e i colleghi spagnoli dell’imprevisto disguido e, entrambi un pò incazzati, ci rassegniamo a rientrare in città e a trovarci l’albergo per quella notte. Non troviamo camere libere, almeno nei quattro-cinque alberghi che conoscevamo; ci viene proposta una king room con letto matrimoniale e, stanchi come siamo, decidiamo di accettarla. D’altronde, con Jean-Claude siamo abituati a fraternizzare, abbiamo quasi la stessa età, 32-33 anni, lo stesso inquadramento professionale, entrambi siamo sposati e, nelle ore di libertà, a Londra frequentiamo la stessa palestra.
Appena in camera ci spogliamo per entrare in doccia. Io entro nel box, lui resta sdraiato sul letto in boxer. Esco io e ci entra lui; resto in bagno, con l’asciugamano intorno alla vita, a farmi la barba, ma sono irresistibilmente portato a guardare attraverso il vetro lui sotto il soffione. Non so cosa mi accade, forse la voglia repressa del ritorno a casa da mia moglie, ma quel corpo nudo accarezzato dall’acqua scrosciante mi eccita da morire. E’ un bel fico Jean-Claude con quel viso angelico, quegli occhi azzurri, quei riccioli biondi, ma con quella muscolatura ben temprata dalla palestra.
Quando l’acqua smette di scorrere lui apre il box e mi
chiede l’asciugamano, glielo passo, ma guardo con stupore che anche lui ha la mazza ben ingrossata e pulsante, come la mia che l’asciugamano in vita non riesce certo a nascondere. Non riusciamo a fare a meno di guardarci reciprocamente il vistoso rigonfiamento dei nostri uccelloni, ma è solo un attimo, un brivido.
Jean-Claude esce dal box, mi passa dietro e d’un tratto sento il suo pacco che preme sul mio fondoschiena, e poi le sue mani sui fianchi che sciolgono il mio asciugamano, e poi le sue mani che si impossessano del mio cazzo e le sue labbra che mi leccano e mi succhiamo il collo.
Sento come un mancamento, mi giro di scatto come per reagire, ma invece di respingerlo mi trovo a incontrare le sue labbra, la sua lingua. Ci baciamo, stringendoci, palpandoci a vicenda, con i cazzi durissimi che si incrociano e si schiacciano l’uno contro l’altro.
E’ febbre quella che ci prende, una febbre incontrollabile. In un baleno siamo sul lettone e, quasi meccanicamente, ci disponiamo in un morboso, irresistibile 69. Mi succhia divinamente, fino a tirarmi l’anima; cerco di imitarlo anch’io, e non so se gli procuro la stessa estasi. Un brivido intenso lungo la schiena mi avverte che sto per venire; cerco di ritardare l’attimo stringendo un po’ le gambe ed arretrando il bacino, ma Jean-Claude mi tiene fermo per le natiche ed anzi mi attira ancor di più verso di lui. Mi lascio andare e gli scarico in bocca un fiume di sborra.
Intanto continuo a ciucciare il suo bel cazzo, sento che anche lui è prossimo ad eiaculare, istintivamente tiro dietro il volto per evitare di ingoiare e lui mi viene in faccia rantolando di godimento.
Siamo stravolti, non parliamo, ma lui si rigira e si distende al mio fianco e poi, subito dopo, mi si struscia addosso e comincia a baciarmi e leccarmi. Mi trascina in un nuovo vortice di piacere, riprendiamo a toccarci, a palparci e, baciandoci compulsivamente, ci scambiamo anche gocce del nostro sperma. Poi ci rilassiamo, ancora senza parlare, scambiandoci appena qualche sorriso d’intesa e, dopo esserci rivestiti, usciamo a mangiare qualcosa.
Consumiamo una cena rapida in un ristorantino proprio di fronte all’albergo, ci scoliamo un paio di bottiglie di vino francese. Curiosamente non parliamo di quel che abbiamo appena fatto in camera, ma divaghiamo ricordando tante avventure trascorse insieme. In effetti con Jean-Claude ci siamo trovati spesso in missione in diverse parti del mondo e, più di una volta, ci siamo scopati belle fighe esotiche. Qualche volta, come a San Pietroburgo, addirittura lo abbiamo fatto in due. Insomma, siamo alquanto affiatati, anche nelle porcate.
Dopo l’allegra cenetta rientriamo in albergo, ci fermiamo al bar interno per un ultimo drink e risaliamo in camera. In ascensore ci guardiamo con occhi intorbiditi: è il vino che abbiamo bevuto? o l’eccitazione che torna imperiosa? Apro io la porta, lui è dietro di me; appena dentro sento le sue mani che mi palpano il culo, mi giro subito e gli afferro l’uccello e le palle.
Non ricordo più come siamo riusciti a spogliarci senza cessare di limonare e di accrescere a dismisura la nostra eccitazione. Certo è che, in un battibaleno, ci ritroviamo nudi sul lettone, l’uno sull’altro, con i cazzi incrociati come due pugnali, a palparci con incontenibile bramosia. Storditi dalla passione e dal vino ci contorciamo come due invasati; ad un certo punto mi ritrovo a pancia in giù e sento che Jean-Claude mi sta inumidendo l’ano con la sua lingua.
Lo lascio fare e mi lascio andare, rapito da quel piacere sottile, indicibile, che mi fa delirare; in quel momento non penso affatto al dolore lancinante che, appena qualche minuto dopo, mi fa uscire violentemente da quello stato di semipnosi. Il palo di Jean-Claude mi squarcia le pareti del culo; non riesco a trattenere un urlo, Jean-Claude mi accarezza, mi sussurra qualche parolina dolce; sento un dolore atroce, ma non voglio che smetta, piano piano sto scoprendo un piacere nuovo, imprevisto.
E difatti, dopo qualche minuto, è solo piacere, solo la goduria infinita di sentirmi posseduto, penetrato, sfondato. Jean-Claude mi cavalca con una certa forza e affonda il suo spadone sino all’elsa, cioè sino ai coglioni. Godo da dio, ma anche lui ansima ed esulta prima di scaricarmi abbondanti fitti di sperma in fondo al culo. Che piacere soave sentire la forza emolliente, rinfrescante, di quella crema! A questo punto siamo stremati; ci distendiamo l’uno a fianco all’altro, nudi, e ci addormentiamo quasi subito, dopo esserci scambiati un languido bacio.
Quando riapro gli occhi siamo ancora lì, l’uno accanto all’altro; sento l’odore dei nostri corpi, l’afrore dei nostri sessi. Guardo la radiosveglia, sono le 6:25, alle 8:15 dobbiamo essere in aeroporto. Jean-Claude è girato di spalle e dorme ancora, mi soffermo a guardare i suoi riccioli biondi, le sue spalle, le sue natiche: è un bel ragazzo, non c’è che dire. Istintivamente gli accarezzo i fianchi, poi il culo. L’inattesa inculata notturna mi ha fatto spalancare un mondo sconosciuto di sensazioni, mi spingo a inserire un paio di dita nel solco delle sue natiche e a titillargli l’ano; piano piano mi si affaccia la voglia di riprovare il piacere dell’inculata dall’altro lato.
Le mie carezze indiscrete fanno risvegliare Jean-Claude, che, girando appena la testa, mi fa un sorriso malizioso e, senza dir nulla, si distende a pancia sotto e a gambe larghe restando in attesa della mia iniziativa. Replico puntualmente le mosse di Jean-Claude, mi chino a leccargli il buco del culo, lui mi facilita il compito dilatandosi le chiappe con le mani, anzi mi incoraggia a voce dicendomi di non farmi scrupolo di impalarlo. Sento il cazzo che mi pulsa all’impazzata, quel culo da profanare mi attizza più della fica di mia moglie. La penetrazione è laboriosa, la cappella è grossa, l’orifizio piuttosto stretto, il cazzo soffre anche l’attrito delle pareti, nonostante l’abbia lubrificato con la mia stessa saliva.
Ma, millimetro dopo millimetro, avanzo dentro il canale e, ad un certo punto, comincio a scivolare meglio. Il godimento è davvero straordinario, insospettabile, Jean-Claude si agita tutto, geme e gode anche lui follemente. E, quando alla fine gli riempio le budella del mio caldo seme, esultiamo entrambi, all’unisono, anzi per l’eccitazione anche Jean-Claude sborra diffusamente sul lenzuolo.
Mi sfilo da quel culo stupendo e ci ridistendiamo sudati e soddisfatti. E chissà quanto tempo saremmo rimasti lì a rilassarci ad occhi chiusi se la radiosveglia non ci avesse ricordato che entro 40 minuti saremmo dovuti essere al check-in.
Ci alziamo in tutta fretta ed entriamo insieme nel box doccia: è stretto, ma a strusciarci addosso i nostri corpi baciandoci sotto l’acqua scrosciante è l’ultimo, raffinato piacere che ci regaliamo prima di prendere il taxi e volare in aeroporto.
Di esperienze e di avventure ne abbiamo affrontate tante col mio collega Jean-Claude, ma questa, occasionata da un volo annullato, è stata davvero una svolta. Devastante per il piacere che ci ha fatto conoscere. Incredibile per la naturalezza con cui l’abbiamo vissuta.
Ancora più incredibile il fatto che, una volta usciti dall’albergo, non abbiamo più parlato di quel che era successo. Una rimozione impensabile, stupefacente.
Ma l’esperienza mi ha frastornato e mia moglie se ne accorge. Sono distratto, piuttosto nervoso, a letto piuttosto sbrigativo. Ma lo stress da lavoro è un alibi più che credibile.
La settimana successiva ci ritroviamo in ufficio a Londra, ma i nostri impegni di lavoro non coincidono, io parto in missione a Madrid, lui rientra a casa a Parigi. Siamo abituati al selfcontrol, ma non ad una repressione feroce di ogni istinto. E così, di sera, ci sentiamo tramite Skype e ci scambiamo un po’ di confidenze e di pettegolezzi, restando in chat a lungo. Qualcosa sta cambiando, non l’avevamo mai fatto prima.
Una decina di giorni dopo ci reincontriamo in sede e decidiamo di fare la pausa pranzo insieme. E’ il momento dell’outing: Jean-Claude sbotta e mi confessa che, mentre era in missione, non ha passato notte senza pensare a me, senza immaginare di avermi vicino a lui. Poi aggiunge, dopo una pausa prolungata, che la sera, dopo essere stato in chat con me, ha scaricato tutta la sua eccitazione scopando selvaggiamente la moglie, ma pensando di farlo con me.
La sua confessione mi riempie di gioia e mi aiuta ad uscire subito dal tunnel dell’autocensura. Gli sorrido, gli stringo una gamba per fargli sentore il calore della mia partecipazione e gli confesso che, sì, anch’io ho pensato a lui ed all’amicizia intima che era nata tra di noi e che, un paio di volte, ho vinto la lontananza masturbandomi. Jean-Claude quasi piange per la gioia, mi strappa un impegno per passare insieme da soli una giornata in campagna, nella casetta dei suoceri, in una località non molto distante da Parigi.
Devo fare qualche acrobazia per giustificare a mia moglie il fatto che sacrifico un giorno del fine settimana per questa puntata in Francia fuori stagione. Arrivati a destinazione, del tutto indifferenti al luogo, ci chiudiamo nella casetta e, senza perdere tempo, ci spogliamo e ci abbandoniamo sul letto. E’ tanta la voglia accumulata che quasi ci aggrediamo. Lui è più allupato di me. Si lancia con la faccia tra le mie gambe e dà inizio ad un pompino favoloso; per renderlo ancora più eccitante allunga verso l’alto le mani e, mentre mi succhia l’uccello, con i polpastrelli delle dita mi vellica il petto villoso titillandomi i capezzoli. Un piacere indescrivibile, che mi fa letteralmente impazzire. Quando vede che il mio cazzo si è inturgidito abbastanza, salta sul letto, si mette a pecora e mi incita ad incularlo.
Sono carico al punto giusto, sento che possedere quel corpo mi dà un piacere speciale, ha un bel culo Jean-Claude, tornito, sodo, muscoloso. Punto il suo ano, stavolta spingo con più decisione, sappiamo già che all’inizio fa male ma poi il dolore lascia il posto al piacere. E il piacere anche stavolta è lancinante; ma sento che lo sto inculando con più vigoria, quasi con più cattiveria, con la voglia inconscia di romperglielo davvero.
Restiamo un po’ distesi sul letto a toccarci e limonare. Lui ha il cazzo scalpitante, non avendo sborrato. Penso che sia il momento di restituirgli i piaceri che mi ha appena dato, ma lui si dedica al mio petto che bacia e lecca in lungo e in largo, poi si sofferma a succhiarmi i capezzoli con l’effetto di ridare forza e vitalità al mio cazzo in letargo.
A sorpresa, mi propone di masturbarci a vicenda. Ci inginocchiamo sul letto l’uno di fronte all’altro, lo impugniamo e ce lo tiriamo reciprocamente, mentre ci baciamo come due gay navigati. Poi eiaculiamo insieme schizzando robusti fiotti di sperma sul petto e sulla pancia.
Ci ricomponiamo, rassettiamo alla meglio, passiamo al bar per un caffè ed un panino e ripartiamo. Lungo il viaggio di ritorno a Parigi non parliamo, il disagio è evidente. Non ci diciamo che ci stiamo avviando su una strada senza ritorno e che la cosa ci fa un po’ paura, ma il silenzio certe volte è più eloquente delle parole. Mi riaccompagna all’aeroporto, ma prima che io esca dalla sua macchina mi stringe un braccio e mi dice che la cosa rischia di diventare incontrollabile e che sarà bene darci una pausa di riflessione. Annuisco, è quel che penso anch’io. Ma mi chiede un’ultima cosa. Mi annuncia che diventerà padre e che, siccome ha messo incinta la moglie pensando di essere scopato da me, desidera che sia io il padrino di suo figlio o figlia che sarà.
Sono contento e commosso dall’annuncio. Gli sorrido e glielo prometto. Ma chissà se la pausa di riflessione che ci siamo imposti reggerà sino al momento del battesimo.